skip to Main Content

I recettori degli Androgeni “Testosterone”

I recettori degli androgeni sono gli “interruttori di accensione” cellulari che, attivati da androgeni (testosterone, diidrotestosterone e altri ormoni), avviano il processo che porta alla produzione di proteine, i mattoni fisici dei tessuti e,  in particolare dei muscoli.
I recettori degli androgeni si trovano nei muscoli e in altri tessuti di tutto il corpo.
Quando i recettori degli androgeni nel muscolo sono attivati, avviene un effetto diretto sul tessuto muscolare bersaglio che interagirà con altre proteine ​​e sarà coinvolto in altre azioni, causando conseguentemente la crescita muscolare.

La scoperta degli Androgeni “Testosterone”

Gli androgeni furono scoperti per la prima volta nel 1936.
Da allora, il testosterone e molti altri steroidi anabolizzanti sono stati sintetizzati da laboratori chimici specifici e commercializzati per l’utilizzo esogeno..
Ci sarebbe comunque stato un periodo di quarantacinque anni tra la scoperta dei primi androgeni e i recettori degli androgeni presenti nei muscoli.
A causa della mancanza di conoscenza dei recettori degli androgeni nei muscoli, gli scienziati avevano messo in discussione il modo in cui gli steroidi anabolizzanti funzionavano nel tessuto muscolare e questo per molti anni. Alcuni si domandavano addirittura se funzionassero, erano soliti credere che un numero sufficiente di androgeni endogeni fossero presenti nel corpo umano per saturare i recettori degli androgeni.
Ciò avrebbe significato che l’assunzione di steroidi anabolizzanti non sarebbe stato di alcun beneficio per la crescita muscolare. Si pensava inoltre che i recettori degli androgeni sarebbero diminuiti dopo la pubertà, il che significava che ci sarebbero stati meno recettori per gli androgeni e per gli steroidi su cui agire.
Un’altra credenza era che gli steroidi anabolizzanti non avevano azione al di fuori dell’area del recettore.
Questo è ovviamente errato per via delle azioni indirette che gli steroidi anabolizzanti hanno al di fuori del recettore degli androgeni che influenza la crescita muscolare.

Tuttora si  afferma che c’è un punto di saturazione quando si assumono steroidi anabolizzanti.

Questo è vero fino a un certo punto.
Proprio come con la creatina monoidrata, o con qualsiasi altro integratore, il corpo ha un punto di saturazione.
Ciò significa che esiste un limite a ciò che può essere utilizzato dal corpo.
Ogni persona contiene una certa quantità di recettori per gli androgeni.
Proprio come con qualsiasi altro composto, la quantità di recettori presenti varia da persona a persona a causa di diversi fattori.
La presenza di massa muscolare, il tipo di fibre muscolari presenti e il livello di attività fisica di una persona possono influenzare la densità dei recettori degli androgeni e modificare così il numero dei recettori degli androgeni presenti in ogni persona.
È un dato di fatto che c’è un punto di saturazione del testosterone o qualsiasi altro steroide anabolizzante.
Questo punto è stato spesso discusso.
Molti pensano che qualsiasi valore superiore a 1.000 mg di testosterone a settimana sia privo di valore e ci sono alcuni che credono che il punto di saturazione sia addirittura inferiore a 500 mg.
Ovviamente, la quantità di recettori androgeni presenti all’interno di un individuo determinerà dove si trova quel punto di saturazione.
Questo pensiero ha come mentalità che gli steroidi anabolizzanti possano funzionare solo nel recettore degli androgeni e non all’esterno.
Tutti gli steroidi hanno quella che viene definita un’affinità vincolante.
Uno steroide con una maggiore affinità di legame ha la capacità di legarsi ai recettori ad un tasso più alto. Questo porta ad attivare più recettori per gli androgeni, e questo è un pensiero che ci fa capire come si possa avere un più alto volume di crescita muscolare.
Il nandrolone e il testosterone hanno dimostrato un’elevata affinità di legame, invece, oxymethelone, metandrostenolone, e stanozololo hanno una bassa affinità di legame e questi sono considerati alcuni degli steroidi anabolizzanti più potenti disponibili.
Tutto ciò dimostra che ci sono più tipi di steroidi anabolizzanti  utilizzati per la crescita muscolare, rispetto all’azione che si verifica con il recettore degli androgeni.

Testosterone e IGF-1

IGF-1 è uno degli ormoni più anabolici presenti nel corpo. È stato dimostrato che il testosterone causa un grande picco dei livelli di IGF-1 nel corpo. È stato inoltre dimostrato che il nandrolone causa una diminuzione di una determinata proteina che si lega a IGF-1. Ciò aumenta la quantità attiva di IGF-1 circolante nel corpo. Quindi molti altri steroidi anabolizzanti, specialmente quelli con una bassa affinità legante, si pensa che causino anabolismo attraverso la loro influenza sull’IGF-1.
Ci sono molti altri fattori che possono contribuire a questi steroidi con un’affinità di legame bassa che è così efficace, poiché l’azione degli androgeni è una catena di eventi estremamente complicata.

Steroidi Anabolizzanti e Cortisolo

È stato dimostrato che molti steroidi anabolizzanti si legano ai recettori del cortisolo.
Il cortisolo è un ormone rilasciato da stress, che sia (da stress fisico o psicologico, per malattie o per mancanza del riposo notturno.
Il cortisolo non è il miglior ormone presente, quando si cerca di incrementare la massa muscolare o perdere grasso corporeo, in effetti, si potrebbe creare un ambiente che provoca il contrario.
Quando gli steroidi anabolizzanti si legano ai recettori del cortisolo, il cortisolo non è in grado di esercitare i suoi effetti. Tutto questo proteggerà da una parte il corpo dalla perdita di massa muscolare o dall’accumulo di grasso che si verificherebbe altrimenti, (dall’altra rende il corpo stesso più esposto a rischi infiammatori in generale).
Questo è un modo indiretto che gli steroidi anabolizzanti hanno come effetto anabolico senza essere legati ai recettori degli androgeni.

L’importanza delle fibre bianche (di tipo II) per l’aumento dei recettori degli androgeni

La quantità di recettori degli androgeni presenti nel corpo ha un impatto sull’efficacia di alcuni steroidi. È stato dimostrato che le fibre muscolari di tipo II (fibre bianche) aumentano i recettori degli androgeni. Ciò dimostra che l’allenamento con i pesi, che aumenta le fibre di tipo II, determinerà la disponibilità di più recettori per gli androgeni.
La quantità di recettori degli androgeni presenti nel corpo ha un impatto sull’efficacia di alcuni steroidi.

L’uso di steroidi anabolizzanti riduce i recettori degli androgeni?

Prendiamo ad esempio un bodybuilder professionista che usa steroidi anabolizzanti da molti anni .
Molti atleti pensano, che se al loro primo ciclo di steroidi, dove hanno preso ad esempio 10 kg di massa muscolare, ne sussegue un altro, potrebbero col secondo ciclo prenderne altrettanti.
In realtà ciò non avviene per il così detto “down-regulation” dei recettori.
Gli steroidi anabolizzanti consentiranno solo a qualcuno di crescere fino a certe dimensioni, dotato di genetica particolare.
Non importa quali farmaci vengano assunti, la genetica limiterà la crescita del corpo.
Quando qualcuno guadagna trenta chili nei suoi primi cicli di steroidi, sarebbe irrealistico credere che guadagneranno all’infinito di nuovo per le volte successive.
(Qualcuno si aggrappa anche che si possano mantenere i volumi muscolari ottenuti, anche dopo aver smesso l’utilizzo degli steroidi anabolizzanti. In realtà ciò che manterrà è solamente un adattamento dei recettori ad accogliere quei dosaggi).
Ci sono spesso discussioni sui recettori degli androgeni, sulla down-regulation e sui modi per evitare che ciò accada.
I recettori degli androgeni svolgono un ruolo nell’anabolismo, ma non è l’intero quadro.
Ad esempio Dianabol, è stato uno degli steroidi più potenti utilizzati per oltre cinquanta anni, e si lega ai recettori degli androgeni a basso tasso (down-regulation).

Questo dimostra che ci sono altri percorsi coinvolti tra gli steroidi anabolizzanti e la crescita muscolare.

 

P.S.

Le informazioni di questo articolo sono condivise solo a scopo didattico informativo.

È necessario consultare il proprio medico prima di agire su qualsiasi contenuto di questo articolo

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi