skip to Main Content

L’inquinamento.

Affermazione diventata retorica.

Ma quanti veramente si soffermano a riflettere e ad andare più a fondo alla questione ?

Pensiamo semplicemente negli ultimi anni come sono aumentati il numero di persone che si sono ammalate di cancro…

Il cancro non è una malformazione cellulare che esiste in natura, ma si è creata per ovvi motivi.

Il Prof. Veronesi, sosteneva che l’80% dei tumori provenisse dall’alimentazione.

Pensiamo inoltre che con la prevenzione, (che attualmente per colpa della crisi il sistema sanitario ci sta negando con le sue restrizioni del c…), abbiamo comunque sempre più persone che si ammalano di malattie legate al sistema cardiocircolatorio.

Pensate inoltre che nel 2020 i nostri scienziati “cervelloni” sostengono che si raggiungerà un più alto tasso di malattie legate alla mente, depressione.

Voi mi chiederete, e cosa centra l’inquinamento con tutto ciò ?

 

Centra eccome.

L’uomo 30/40 anni fa, aveva dei valori di testosterone totale e liberato, il doppio rispetto ai giorni nostri, e sappiamo quanto sia importante quest’ormone, non solo per il corpo, ma anche per la mente.

Il mio lavoro, quello di aiutare le persone a trovare un corretto equilibrio con il proprio corpo ha fatto in modo che negli anni mi accorgessi, (evidenziando questo fenomeno),  come fosse sempre più difficile far cambiare la composizione corporea a determinati soggetti.

Ci vuole un certo grado di sensibilità per valutare se un soggetto si alimenta e si allena bene o no.

Tuttavia la casistica parla chiaro, è sempre più difficile.

Coloro che presentano test ematici inerenti ai valori ormonali, si scopre che liberano testosterone con la stessa quantità di un criceto!

Bene filosoficamente e metaforicamente parlando mi viene da dire, “i governi ci vogliono, castrare o rendere più deboli….”

L’umanità sta percorrendo un sentiero oscuro e mortale.

In attesa di ogni bambino che nasce sul pianeta terra,  ci sarà una vita destinata ad essere avvelenata.

Esiste “una prova schiacciante che ogni bambino, indipendentemente da dove sia nato nel mondo, sarà esposto, non solo dalla nascita, ma dal concepimento, alle sostanze chimiche create dall’uomo che possono minare la capacità del bambino di raggiungere il suo massimo potenziale di sviluppo.

Sostanze chimiche che interferiscono con le sostanze chimiche naturali che indicano ai tessuti come sviluppare e costruire individui sani in base ai geni ereditati dalle loro madri e dai loro padri “, afferma il Dott. Theo Colborn, Senior Program Scientist, presso il World Wildlife Fund.

Questa affermazione basata da studi scientifici offre tuttavia una soluzione estremamente importante, un angelo custode in forma chimica che si può utilizzare nell’età altamente tossica che stiamo vivendo.

Ogni donna incinta dovrebbe usare lo iodio e il cloruro di magnesio applicati transdermicamente per iniziare un’azione protettiva anche prima del concepimento.

I metalli pesanti ci avvelenano interrompendo i nostri enzimi cellulari, che funzionano con minerali nutrizionali come magnesio, zinco e selenio.

I metalli tossici espellono i nutrienti e legano i loro recettori, causando sintomi diffusi interferendo con i nervi, gli ormoni, la digestione e la funzione immunitaria.

I metalli pesanti più spesso implicati nell’intossicazione umana sono piombo, mercurio, arsenico e cadmio, ma l’uranio sta recuperando terreno da quando l’uranio impoverito è diventato l’armamento preferito dagli eserciti.

Una volta nel corpo, competono con e sostituiscono minerali essenziali come iodio, zinco, rame, magnesio e calcio e interferiscono con la funzione del sistema degli organi.

Questo processo è più evidente nel caso degli alogenuri, che sono tutti elementi antagonisti dello iodio, il che significa che ostacolano l’assorbimento di iodio.

I metalli pesanti vengono immagazzinati negli stessi recettori che cercano lo iodio.

Quasi tutti noi siamo esposti al bromo e al fluoro e stiamo conservando questi alogenuri tossici nei nostri recettori carenti di iodio.

L’assunzione di iodio aumenta immediatamente l’escrezione di bromuro, fluoruro, e alcuni metalli pesanti incluso mercurio e piombo.

Il Bromuro e il fluoruro non viene rimosso da nessun altro chelante o tecnica disintossicante se non con lo iodio.

La dott.ssa Kenezy Gyula Korhaz afferma che lo iodio chela i metalli pesanti come mercurio, piombo, cadmio e alluminio e alogeni come il fluoruro e il bromuro, riducendo così i loro effetti inibitori dello iodio specialmente degli alogeni.

Lo iodio ha il più alto peso atomico di tutti i comuni alogeni (126.9).

Lo iodio è l’unica opzione quando si tratta di rimuovere questi aloni tossici dalla tiroide e persino dalla ghiandola pineale dove il fluoro si concentra, specialmente quando c’è una carenza di iodio nel corpo.

In un’epoca in cui la radioattività e l’avvelenamento tossico aumentano in modo specifico con il fluoro, il cloro e il bromuro e persino il mercurio, lo iodio diventa un minerale necessario ed indispensabile per proteggerci dai danni, eliminandole dal corpo tramite le urine.

Molti di noi sono costretti o condizionati a bere acqua fluorizzata e anche a lavarsi i denti con il fluoro.

Potrebbe una carenza di iodio essere correlata in qualche modo all’epidemia attuale di ipotiroidismo, cancro al seno e alla prostata?

I funzionari della sanità governativa avvelenano il pubblico con fluoruro e bromuro, aspartame e mercurio e persino con il carburante per i veicoli, solo per citarne alcune?

Vi è una crescente evidenza che le persone avrebbero una salute migliore e una minore incidenza di cancro e malattia fibrocistica del seno se consumano più iodio.

“Una diminuzione dell’apporto di iodio accoppiato con un aumento del consumo di alogeni concorrenti, fluoruro e bromuro, ha creato un’epidemia di carenza di iodio”   (Dr. Donald Miller Jr.)

Il Dr. David Brownstein afferma che il fluoro inibisce la capacità della ghiandola tiroidea di concentrare lo iodio e la ricerca ha dimostrato che il fluoro è molto più tossico per il corpo quando c’è carenza di iodio.

Quando lo iodio è completato, il tasso di escrezione degli alogenuri tossici bromuro, fluoruro e perclorato aumenta notevolmente.

Il Dr. David Brownstein afferma che dopo una sola dose di iodio l’escrezione di fluoro è aumentata del 78% e questo è molto importante per coloro che bevono acqua fluorizzata o stanno assumendo medicinali contenenti fluoruro; i tassi di escrezione del bromuro sono aumentati del 50%. Il nostro ambiente è carico di alogenuri tossici di bromo e fluoro e fino ad ora non abbiamo avuto modo di disintossicare il corpo di questi veleni tiroidei.

Negli ultimi 2 decenni il bromo ha contaminato il nostro pane “quotidiano”.

Il bromo blocca la funzione tiroidea e può interferire con l’effetto antitumorale dello iodio sul seno.

Ora, il rischio di cancro al seno è di 1 su 8 e aumenta dell’1% all’anno.

Il cloro blocca anche lo iodio nel corpo, quindi l’acqua clorata (sia potabile che balneabile) dovrebbe essere evitata quando possibile.

Il cloruro compete con il bromuro a livello renale e aumenta la clearance renale del bromuro, quindi il cloruro di magnesio è ideale per l’integrazione di magnesio stesso.

Alcuni pazienti richiedono fino a 2 anni di terapia con iodio per riportare i livelli di bromuro di urina dopo un carico inferiore a 10 mg / 24 ore, se il carico di cloro non è incluso nel programma di disintossicazione del bromo.

Il Dr. Abraham ha osservato che in alcuni pazienti l’escrezione di piombo, cadmio e mercurio è aumentata di molte volte dopo solo un giorno di integrazione di iodio e che l’aumento dell’escrezione di alluminio è stato notato circa un mese dopo l’inizio dell’integrazione.

L’integrazione induce una reazione di disintossicazione in alcuni pazienti con alti livelli di bromuro.

I sintomi includono un aumento dell’odore corporeo e delle urine. L’odore del corpo dura da una a due settimane, ma l’urina torbida può durare diversi mesi prima di essere ripulita.

Gli effetti collaterali possono essere ridotti al minimo aumentando l’assunzione di liquidi.

Il Dr. Sebastiano Venturi ci informa che “lo iodio è uno degli elementi essenziali ricchi di elettroni più abbondanti che consumiamo e viene trasportato nelle cellule tramite trasportatori iodati.

Lo ioduro, che agisce come un primitivo donatore di elettroni attraverso gli enzimi perossidasi, sembra avere una funzione antiossidante ancestrale in tutte le cellule che concentrano ioduro.

L’ossigeno è un potente ossidante il cui accumulo in atmosfera terrestre è il risultato dello sviluppo della fotosintesi oltre tre miliardi di anni fa, nelle alghe blu-verdi (Cianobatteri). “Lo iodio era usato dalla Natura come una delle sue principali strategie di difesa antiossidante nelle piante e negli animali .

Il punto è che gli antiossidanti, inclusi iodio, sono importanti come sostanze protettive contro molte malattie croniche e degenerative come il cancro e le malattie cardiovascolari.

“Il meccanismo biochimico antiossidante degli ioduri è probabilmente il più antico meccanismo di difesa da specie di ossigeno reattivo velenoso”.    Dr. Sebastiano Venturi

 

Il mercurio è il veleno non radioattivo più tossico sulla terra e ha la capacità di distruggere tutta la vita biologica e attività sia attraverso una morte lenta o tortuosa o rapida.

Il Dr. Brownstein indica che lo iodio è anche un chelante del mercurio e ha testato con molta attenzione le quantità rimosse.

Il mercurio non solo avvelena il sistema nervoso e il tratto digestivo, ma può anche avvelenare la ghiandola tiroidea.

Ci sono 4  recettori di legame allo iodio sulla ghiandola tiroidea. Questi recettori si legano allo iodio e li otteniamo dalla nostra dieta.

Lo iodio entra nella tiroide e lo attiva. Se la tiroide non assorbe abbastanza iodio, non sarà completamente attiva e la temperatura del corpo sarà anormalmente bassa.

Il mercurio da otturazioni dentali può migrare alla ghiandola tiroidea e legarsi su uno o più dei 4 recettori di iodio della tiroide che bloccano lo iodio dal raggiungere i recettori e attivare la tiroide.

Quando ciò accade, lo iodio non viene assorbito in quantità normali dalla ghiandola tiroidea.

Il risultato è bassa temperatura corporea o ipotiroidismo.

La combinazione di varie fonti di mercurio con una dieta ricca di pesce, che è contaminata dal mercurio e aggiungiamo un vaccino antinfluenzale che contiene anche mercurio, abbiamo un enorme problema che i funzionari sanitari non stanno affrontando affatto.

Diversi meccanismi sono utilizzati per rimuovere il mercurio dal corpo.

Affinché questi meccanismi di disintossicazione funzionino correttamente, numerosi minerali essenziali come lo iodio, zinco, zolfo, selenio e silice stimolano l’escrezione di mercurio.

Sfortunatamente, l’assunzione giornaliera di Iodio da parte della persona media non è abbastanza alta per proteggerli dal mercurio.

 

 

Concludendo, i metalli tossici sono sostanze inquinanti che penetrano nel nostro corpo attraverso

cibo, aria, acqua, tutto ciò che ingeriamo con prodotti di uso quotidiano.

 

In sintesi i più rilevanti sono:

alluminio

antimonio

arsenico

piombo

mercurio

nickel

palladio

platino

tellurio

tallio

stagno

uranio.

(e tanti altri ancora)

 

Una volta nel corpo queste sostanze tendono ad accumularsi nel corso degli anni, generando sintomi e patologie sopra descritte.

I metalli una volta penetrati nel corpo attraverso la via inalatoria o l’ingestione o per contatto si accumulano nelle ossa, fegato, reni, polmone e cervello.

Il problema è la sfida a contenere quest’inquinamento nella nostra vita quotidiana.

Personalmente sono il lista di attesa per essere trasferito su un altro pianeta, dove ci sarà un buon senso da parte dell’essere umano intossicato sul pianeta terra anche dall’inquinamento chiamato potere e denaro !!

E ci siamo capiti !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This Post Has One Comment
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi