skip to Main Content

I crampi durante l’esercizio fisico

La contrazione muscolare rapida o incontrollata, crampo o spasmo, avviene inaspettatamente e spesso con nessuna stimolazione.
La contrazione muscolare e il dolore durano per diversi minuti e poi lentamente la muscolatura si rilassa.
I crampi possono interessare qualsiasi muscolo, ma sono più comuni nei polpacci, nei piedi e nelle mani.
Sebbene dolorose, sono innocui e, nella maggior parte dei casi, non correlate a nessun tipo di patologia.
Tuttavia, crampi e spasmi potrebbero essere manifestazioni di molte malattie neurologiche o muscolari.
I termini crampo e spasmo possono essere alquanto vaghi e talvolta vengono usati per includere tipi di attività muscolare anormale oltre alla contrazione dolorosa improvvisa.
Questi includono rigidità a riposo, lento rilassamento muscolare e contrazioni spontanee di un muscolo a riposo (fascicolazione).
La fascicolazione è un tipo di spasmo muscolare indolore, caratterizzato da una rapida contrazione non coordinata di molte piccole fibre muscolari.
Una parte critica della diagnosi sta nel distinguere questi diversi significati e nel permettere al soggetto di descrivere il problema nel modo più preciso possibile.

Le cause dei crampi

La normale contrazione muscolare volontaria inizia quando segnali elettrici vengono inviati dal cervello attraverso il midollo spinale lungo le cellule nervose chiamate motoneuroni.
Questi includono sia i motoneuroni superiori all’interno del cervello che i neuroni motori inferiori nel midollo spinale e che conducono al muscolo.
Al muscolo, le sostanze chimiche rilasciate dal motoneurone stimolano il rilascio interno di ioni di calcio dai depositi all’interno della cellula muscolare.
Questi ioni di calcio interagiscono quindi con le proteine ​​muscolari all’interno della cellula, facendo sì che le proteine ​​(actina e miosina) scivolino l’una sull’altra.
Questo movimento avvicina le loro estremità fisse, accorciando così la cellula e, in definitiva, il muscolo stesso.
La ripresa del calcio e la dissociazione dell’actina e della miosina consentono alla fibra muscolare di rilassarsi.
La contrazione anormale può essere causata da attività insolite in qualsiasi fase di questo processo.
Alcuni meccanismi all’interno del cervello e il resto del sistema nervoso centrale aiutano a regolare la contrazione.
L’interruzione di questi meccanismi può causare spasmo.
I motoneuroni che sono eccessivamente sensibili possono trasmettere al di sotto delle loro soglie normali.
La stessa membrana muscolare può essere eccessivamente sensibile, causando contrazione senza stimolazione.
Gli ioni calcio non possono essere recuperati abbastanza velocemente, causando una contrazione prolungata.

Problematiche strutturali in relazione ai crampi

Disturbi strutturali come i piedi piatti, le ginocchia iperestese e la sindrome da ipermobilità (articolazioni che possono andare oltre il normale range di movimento) possono predisporre una persona a sviluppare crampi.
Seduta prolungata, posizionamento inappropriato della gamba durante l’attività sedentaria, o stare in piedi su una pavimentazione in cemento per periodi prolungati possono essere associati ad un’aumentata incidenza di crampi alle gambe.
L’interruzione dei meccanismi cerebrali e dei motoneuroni eccessivamente sensibili può derivare da un danno alle vie nervose.
Le possibili cause includono ictus, sclerosi multipla, paralisi cerebrale, malattie neurodegenerative, traumi, lesioni del midollo spinale e veleni del sistema nervoso come la stricnina, il tetano e alcuni insetticidi.
Il danno ai nervi può portare ad un accorciamento muscolare prolungato o permanente chiamato contrattura.

Le variazioni della reattività muscolare possono essere dovute o associate a quanto segue:

Esercizio prolungato:
Curiosamente, il rilassamento di un muscolo richiede in realtà energia da spendere.
L’energia viene utilizzata per recuperare il calcio e per sciogliere l’actina e la miosina.
Normalmente, le sensazioni di dolore e stanchezza indicano che è il momento di riposare.
Ignorare o ignorare questi segnali di avvertimento può portare a un così grave esaurimento di energia che il muscolo non può essere rilassato, causando un crampo.
Il consiglio di non nuotare dopo un pasto pesante, quando il flusso di sangue è diretto lontano dai muscoli, è destinato ad evitare questo tipo di crampi.
Esercitare o partecipare ad attività con temperature elevate o umide: un’abbondante sudorazione durante l’esercizio prolungato può portare a crampi da calore, una condizione associata a brevi e dolorosi crampi, specialmente alle gambe, sudorazione e febbre leggera.
L’esercizio a temperature elevate senza un’adeguata assunzione di liquidi può aumentare il rischio di disidratazione.

Disidratazione e esaurimento del sale:
Questa condizione può essere causata da attacchi ripetuti di vomito o diarrea o da abbondante sudorazione durante l’esercizio prolungato.
La perdita di liquidi, sali e minerali, in particolare sodio, potassio, magnesio e calcio, può compromettere gli equilibri ionici sia nei muscoli che nei nervi.
Questo squilibrio può impedire a muscoli e nervi di rispondere e di riprendersi normalmente e può portare a crampi.

Disturbi metabolici che influenzano l’apporto energetico nei muscoli

Sono malattie ereditarie in cui particolari enzimi muscolari sono carenti.
Comprendono deficienze di miofosforilasi (malattia di McArdle), fosforilasi b chinasi, fosfofuctokinasi, fosfoglicerato chinasi e lattato deidrogenasi.

La Miotonia

La miotonia comprende la distrofia miotonica, la miotonia congenita, la paramyotonia congenita e la neuromiotonia.
Queste condizioni causano rigidità a causa del ritardo del rilassamento del muscolo ma non causano la contrazione spontanea di solito associata a crampi.
Tuttavia, molti soggetti con miotonia sperimentano crampi durante l’esercizio.
I sintomi della miotonia sono spesso peggiori a basse temperature.
La fascicolazione può essere dovuta a affaticamento, raffreddore, farmaci, disordini metabolici, danni ai nervi o malattie neurodegenerative, inclusa la sclerosi laterale amiotrofica (SLA, nota anche come malattia di Lou Gehrig). La maggior parte delle persone sperimenta di volta in volta brevi e delicati fascicoli, di solito nei polpacci.

Sintomi dei crampi

Il dolore di un crampo muscolare è intenso, localizzato e spesso debilitante.
Venendo rapidamente, può durare per minuti e svanire gradualmente.
Le contratture si sviluppano più lentamente, per giorni o settimane e possono essere permanenti se non trattate.
La fascicolazione può verificarsi a riposo o dopo la contrazione muscolare e può durare diversi minuti.
Esercitare a temperature elevate può portare alla disidratazione.
La disidratazione deve essere sospettata se questi sintomi sono presenti: secchezza della bocca o della lingua, sete aumentata o eccessiva, poche o nessuna lacrima quando si piange, minzione diminuita, urine gialle scure, irritabilità, bassa energia, vertigini o svenimento.

Trattamento per i crampi

La maggior parte dei casi di crampi semplici non richiede altro trattamento oltre alla pazienza e allo stretching.
Quando si verificano crampi di calore, si deve interrompere l’attività, spostarsi in un luogo fresco o ombreggiato, rimuovere gli indumenti in eccesso, bere acqua fresca o una bevanda sportiva con elettroliti, sali minerali, e riposare.
Delicatamente e gradualmente stretching e massaggiare il muscolo interessato può alleviare il dolore e accelerare il recupero.

Applicare brevemente impacchi freddi a muscoli ristretti, per circa dieci minuti, può aiutare ad alleviare il dolore

Acetaminofene o ibuprofene dovrebbero essere usati con parsimonia per il sollievo dal disagio.
Crampi più prolungati o regolari possono essere trattati tuttavia con farmaci specifici.
La disidratazione può compromettere l’equilibrio elettrolitico del corpo, portando a problemi potenzialmente letali come anomalie del battito cardiaco (aritmia).
La disidratazione prolungata e grave richiede un trattamento medico con liquidi per via endovenosa e può richiedere il ricovero in ospedale.

Trattamento alternativo

Le terapie alternative e complementari includono approcci che sono considerati al di fuori del mainstream delle cure sanitarie tradizionali.
Negli adulti, i trattamenti alternativi per i crampi includono gingko (Ginkgo biloba) o cotogna giapponese (Chaenomeles speciosa).
Supplementi di vitamina E, niacina, calcio e magnesio possono contribuire ad alleviare la probabilità di crampi notturni, soprattutto se assunti prima di coricarsi.
Le indicazioni per questi trattamenti nei bambini non sono state documentate.
Esistono diverse terapie alternative che possono essere utili nel trattamento dei disturbi del movimento. Tra le terapie che possono essere utili sono l’agopuntura, l’omeopatia, le terapie tattili, le terapie di allineamento posturale e il biofeedback.
I progressi fatti dipenderanno dall’individuo e dalle sue condizioni.
L’allenamento con biofeedback può essere usato per ridurre coscientemente la tensione muscolare. Il biofeedback utilizza un segnale elettrico che indica quando un muscolo spastico si rilassa.
Il soggetto può essere in grado di utilizzare il biofeedback per imparare come ridurre coscientemente la tensione muscolare e, eventualmente, ridurre i sintomi.

Prognosi

I crampi occasionali sono comuni e non hanno alcun significato medico speciale.

Prevenzione

La probabilità di sviluppare crampi può essere ridotta con un regolare esercizio fisico per accumulare riserve di energia nei muscoli.
Evitare di allenarsi a temperature estreme aiuta a prevenire i crampi da calore.
I crampi termici possono anche essere evitati bevendo molta acqua prima e durante l’esercizio fisico a temperature estreme.
Praticare la corretta meccanica del corpo mentre si è seduti (seduti con entrambi i piedi sul pavimento, schiena dritta e le gambe non incrociate) può aiutare a prevenire lo sviluppo di crampi alle gambe.
Fare un bagno caldo prima di coricarsi può aumentare la circolazione alle gambe e ridurre l’incidenza dei crampi alle gambe notturni.

Crampi e nutrizione

La probabilità di sviluppare crampi può essere ridotta assumendo nella dieta equilibrata e sana livelli appropriati di minerali.
I liquidi dovrebbero essere integrati durante tutte le attività fisiche faticose, specialmente quando fa caldo.
Le persone dovrebbero bere da due a quattro bicchieri di d’acqua  per ogni ora di attività.
Se è stata identificata una patologia neurologica di base, le linee guida dietetiche sono individualizzate, in base all’età alla diagnosi, alla salute generale, al fabbisogno calorico ed energetico e al livello di funzionamento.
L’identificazione precoce, il trattamento e la correzione di specifici problemi di alimentazione miglioreranno la salute e lo stato nutrizionale dell’atleta.

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi