Ritenzione idrica e sodio


Ridurre e non eliminare l’assunzione di sodiosale” aiuterà a migliorare la ritenzione dei liquidi nel corpo.
Quando si passa da un’assunzione di sodio troppo elevata o troppo bassa, vi è ritenzione idrica , cioè ritenzione di sodioacqua, questo meccanismo espande il volume extra cellulare. (Effetto ritenzione idrica).
Questo aumento del volume extracellulare è un fattore scatenante per vari meccanismi di compensazione, che per consentire un aumento dell’escrezione di sodio urinario ne fa le spese la continua ritenzione di sodio e acqua stessa.
Vengono trattenuti circa 1,5/2  litri di liquido extra cellulare e questo continua finché si consuma sempre più sale.
Le persone con insufficienza cardiaca, sindrome nefrosica e cirrosi epatica, beneficeranno in modo particolare dando un taglio all’assunzione del sale.
Molte donne con edema idiopatico e ciclico trovano, riducendo il loro apporto di sale, un notevole miglioramento dei loro sintomi.
Ridurre il sodio nella dieta può aiutare ad alleviare questo tipo di problema in generale.
Il sodio svolge tuttavia un ruolo chiave nella regolazione dell’acqua nelle cellule e aiuta anche nella comunicazione nervosa e nella funzione muscolare.

Sale: quanto bisogna assumerne ogni giorno

Ricordiamo che ogni grammo di sale contiene circa 0,4 g di sodio.
Ogni giorno si dovrebbero assumere almeno 10-600 mg di sodio, pari a 0,25-1,5 grammi di sale.
Consumare più di 2.300-2.500 milligrammi di sale al giorno non è sicuro secondo i nostri scienziati medici, tuttavia l’italiano medio consuma più di 5.400-6000 milligrammi di sale al giorno e questo non giova di certo alla salute..