Le informazioni di questo articolo sono condivise solo a scopo didattico informativo.
È necessario consultare il proprio medico e di non agire su qualsiasi contenuto di questo articolo

L’eventuale posologia e le modalità di utilizzo indicate per quanto concerne l’uso in ambito sportivo od estetico, NON hanno valenza di consiglio specifico; intendono bensì fornire un’informazione di carattere generale in linea con quanto diffuso dalle pubblicazioni scientifiche in materia (vedi bibliografia od altri testi sul doping), per limitare fenomeni di abuso, fermo restando che non esiste una posologia od una combinazione di farmaci sicura e priva di effetti collaterali. Per queste ragioni l’autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti dall’utilizzo di tali informazioni.

 

IGF-1 – Somatomedina

Fattore di crescita simile all’insulina-1, comunemente indicato come IGF-1 è un ormone polipeptidico appartenente alla famiglia degli ormoni del fattore di crescita. Questo è un ormone prodotto naturalmente in tutti gli esseri umani con una produzione principalmente nel fegato e in parte nei tessuti periferici. Tuttavia, esistono versioni sintetiche e sono prodotte dalla tecnologia del DNA ricombinante.

IGF-1 è un ormone altamente anabolico che colpisce numerose aree del corpo umano. Condivide anche un’importante relazione con l’ormone della crescita umano (HGH) e su base strutturale è simile all’insulina. Esistono diversi prodotti sintetici IGF-1 sul mercato, ma forse il più noto è Increlex prodotto da Tercia INC.

Ormone della crescita ipofisario In un contesto terapeutico, l’IGF-1 viene utilizzato principalmente per trattare le carenze dell’IGF-1. Tuttavia, è anche usato in pazienti che non rispondono a HGH. Con questo tipo di terapia, l’individuo può benissimo avere un sacco di HGH nel suo sistema, ma per un motivo o per l’altro non risponde all’ormone. Il trattamento con IGF1 a questo scopo è approvato dalla FDA, ma è considerato molto controverso da alcuni professionisti medici a causa dei possibili effetti metabolici che potrebbero verificarsi. Quindi abbiamo un miglioramento delle prestazioni e negli ultimi anni IGF1 è diventato un ormone importante in questo campo. È fortemente anabolico, porterà forti proprietà di recupero ed è diventato uno dei preferiti di molti bodybuilder.

 

Funzioni e tratti di IGF-1:

IGF-1 è un ormone proteico composto da una stringa di 70 aminoacidi. La sequenza sintetica o prodotta naturalmente è la stessa; non c’è differenza. Come ormone funzionante, IGF-1 funziona ampiamente supportando la crescita attraverso il potenziamento di aminoacidi, glucosio e acidi grassi. Poiché condivide una stretta relazione con l’insulina, può anche influenzare i livelli di zucchero nel sangue. L’uso di IGF-1 può potenzialmente ridurre significativamente la glicemia con conseguente stato ipoglicemico. Grazie al potenziamento degli acidi grassi, ciò crea ulteriormente la capacità di promuovere il grasso corporeo, che è sicuramente un potenziale svantaggio da utilizzare. Tuttavia, il vantaggio può valere la pena se una dieta e uno stile di vita ben pianificati sono in atto quando si integra con IGF-1 esogeno.

IGF-1 ha dimostrato di aumentare notevolmente il numero di cellule nel muscolo scheletrico, che a sua volta può portare a un miglioramento della crescita dei tessuti magri. Ciò si verifica attivando la via fosfatidilinositolo 3-chinasi (PI3K) -AKT. Non solo può favorire la crescita muscolare, ma con questo modo di agire può anche promuovere la crescita ossea e, in una certa misura, la crescita dei nostri organi interni.

IGF-1 condivide anche una stretta relazione con HGH, un altro ormone potente e prodotto naturalmente da tutti gli esseri umani. HGH, come IGF-1, è anabolico e IGF-1 è ampiamente responsabile di gran parte dell’azione anabolica fornita da HGH. Ciò include due tratti primari che sono comunemente associati all’anabolismo nella ritenzione di azoto e nella sintesi proteica. Una maggiore ritenzione di azoto è importante in quanto tutto il tessuto magro è costituito per circa il 16% da azoto. Quando le riserve di azoto cadono, questo può portare l’individuo in uno stato catabolico (atrofia muscolare).

Per quanto riguarda la sintesi proteica, questo rappresenta la velocità con cui le cellule costruiscono le proteine, proteine ​​che rappresentano il blocco di base del tessuto muscolare magro. Non è troppo difficile vedere come un miglioramento nella sintesi proteica sarebbe utile. Ciò non solo ti consentirà di costruire e supportare più tessuto magro, ma giocherà un ruolo fondamentale nel processo di recupero, che è proprio il luogo in cui vengono fatti veri progressi. Questa relazione strettamente legata tra IGF-1 e HGH è anche ciò che porta all’aumento delle cellule muscolari e alla promozione della crescita di nuove fibre muscolari. Con IGF-1 ora avrai più cellule muscolari (iperplasia delle cellule muscolari) e fibre muscolari (mitogenesi) con cui lavorare.

Mentre le funzioni e i tratti di IGF-1 in una capacità anabolica sono enormi, sono regolati dalla quantità di proteine ​​fornite alle cellule muscolari. Senza adeguate quantità di proteine, l’integrazione esogena di IGF-1 varrà molto poco.

IGF-1 porta anche importanti tratti che ruotano attorno alla guarigione e al recupero; in effetti, sono abbastanza forti. Ciò è molto evidente se si considera il ruolo dell’ormone nella produzione del tessuto connettivo. IGF-1 migliorerà anche la funzione del collagene, il collagene, che si trova in tutto il tessuto connettivo del corpo. Un miglioramento della funzione del collagene provoca ossa più forti, nonché forza nei muscoli per un corretto movimento. Può anche influenzare la pelle e i vasi sanguigni in modo positivo. Da qui, IGF-1 promuoverà anche la riparazione della cartilagine e promuoverà una maggiore densità ossea che lo rende un ormone eccellente nei casi di ringiovanimento e riparazione necessari.

Un’ultima nota sui tratti dell’IGF-1: questo ormone è noto come neuroprotettore e neuropromotore, che potrebbe potenzialmente portare a un miglioramento della funzione mentale. Questo fattore potrebbe potenzialmente essere molto utile per gli anziani quando sorgono problemi di demenza. Tuttavia, sono ancora necessari ulteriori studi per comprendere appieno gli effetti, ma sembrano promettenti.

 

Effetti di IGF-1:

Gli effetti di IGF-1 sono normalmente più adatti per promuovere la massa fuori stagione e per il recupero fisico di qualsiasi atleta. Pochissimi useranno questo ormone in un ciclo di definizione, poiché può avere un effetto negativo sul tasso metabolico dell’individuo. Questa è l’ultima cosa che vuoi quando sei a dieta, ma possiamo fare un’eccezione. Alcuni culturisti competitivi sono in grado di utilizzare IGF-1 durante la preparazione del concorso e rimanere magri, mantenendo anche più della loro massa magra. Ci vogliono anni di esperienza per essere in grado di farcela e non solo una conoscenza approfondita degli ormoni, ma una comprensione approfondita di come ti influenzano come individuo.

Per l’individuo che cerca la dimensione grezza, ci sono un paio di solide opzioni quando si considera l’uso di IGF-1. Molti lo useranno durante il loro corso di steroidi anabolizzanti, che migliorerà solo la velocità con cui è costruito il tessuto magro, nonché la quantità. Altri, e questo è in genere per i bodybuilder più avanzati, lo useranno durante un periodo di bridge. Un ponte si riferisce a un periodo di tempo tra i cicli di steroidi anabolizzanti o i cicli completi. In questo caso, l’individuo continuerà a utilizzare una dose di mantenimento di testosterone e aggiungerà l’IGF-1. Molti di questi usano anche HGH e semplicemente continuano dal loro ciclo che è appena finito nel bridge appena iniziato. Indipendentemente dal tempo specifico di utilizzo, durante il ciclo o come ponte, si usa solitamente HGH. IGF-1, sebbene fortemente anabolizzante, ha anche la capacità di favorire l’eccesso di grasso accumulato. Durante una fase di bulking fuori stagione, mantenere livelli adeguati di grasso corporeo è abbastanza difficile da solo ed è complicato solo dall’uso di IGF-1. Tuttavia, quando includiamo l’HGH la spinta metabolica che fornisce dovrebbe essere sufficiente per tenere le cose sotto controllo. Inoltre, la sinergia tra questi due ormoni è notevole.

Cosa ci si può aspettare da IGF-1 durante l’uso fuori stagione? È difficile stabilire un numero specifico sulla quantità di peso acquisita o su specifici aumenti di forza. Poiché ogni essere umano è diverso e risponde in modo leggermente diverso, questo può essere difficile da determinare. Tuttavia, abbiamo dati da cui attingere, in particolare uno studio condotto su IGF-1 usando topi. Nello studio, i topi hanno dato a IGF-1 un aumento della massa del 15% e un aumento della forza del 14%. Questi potrebbero sembrare piccoli numeri per te, ma è davvero un notevole aumento.

L’ormone migliorerà il recupero complessivo dall’allenamento e dall’attività faticosa, ma non finisce qui. IGF-1 in realtà porta proprietà curative dirette, non mascherando come un antidolorifico ma vera guarigione terapeutica. L’uso di IGF-1 può ridurre notevolmente il tempo totale per la guarigione delle lesioni articolari. È stato anche dimostrato che aiuta in modo significativo nella guarigione di tendini e legamenti. Dato che la maggior parte degli atleti batte tutte queste aree del corpo, l’IGF-1 diventa estremamente prezioso.

 

Effetti collaterali di IGF-1:

Ci sono possibili effetti collaterali di IGF-1 ma rispetto a molti ormoni non ce ne sono davvero molti. Non commettere errori, alcuni dei possibili effetti collaterali di IGF-1 possono essere preoccupanti, ma come con la maggior parte degli ormoni c’è speranza. L’effetto collaterale più comune di IGF-1 è l’ipoglicemia. I dati clinici hanno dimostrato che oltre il 40% di tutti coloro che hanno ricevuto la terapia con IGF-1 hanno avuto ipoglicemia a un livello o all’altro. Di coloro che sono entrati in uno stato ipoglicemico, il 7% ha avuto casi gravi con circa il 5% ha avuto un attacco ipoglicemico. Senza dubbio un attacco non sembra troppo allettante, e se hai mai provato ipoglicemia che da solo è qualcosa che vorrai evitare. Per fortuna, evitare uno stato ipoglicemico quando si usa IGF-1 è una delle cose più facili da evitare al mondo; infatti, se succede, è colpa tua. Prima di somministrare IGF-1 dovresti consumare zuccheri semplici ogni volta insieme a una quantità adeguata di cibo, in particolare proteine ​​e una miscela di carboidrati semplici e complessi. Ciò dovrebbe avvenire circa 15-20 minuti prima di somministrare IGF-1. Una volta iniettato, se i sintomi dell’ipoglicemia iniziano a manifestarsi, consuma immediatamente zuccheri più semplici e continua a consumarli fino a quando i sintomi scompaiono.

I sintomi comuni dell’ipoglicemia includono:

Vertigini
Sonnolenza
Fame (spesso estremo)
Depressione
Sudorazione
palpitazioni
Tremori
Mal di testa
Biascicamento
Incapacità di concentrazione
Ansia
Comportamento anormale

Se i sintomi dell’ipoglicemia iniziano a manifestarsi, consumano immediatamente carboidrati ad azione rapida come barrette di zucchero, o qualsiasi tipo di cibo pieno di zucchero o una bevanda o succo di carboidrati; il succo d’uva è una scelta fantastica. Se ignorato, questo può e in molti casi porterà a grave ipoglicemia, che ha il potenziale per essere fatale. Un’ipoglicemia grave in piena regola può portare a gravi disorientamento, convulsioni e perdita di coscienza, ma come discusso non vi è motivo per ciò se l’IGF-1 viene usato correttamente.

Nonostante sia tremendamente facile da evitare, l’ipoglicemia è l’effetto collaterale più comune nell’uso di IGF-1, ma ce ne sono altri da considerare. Alcuni possono provare dolore o disagio alle articolazioni nonostante abbia generalmente un impatto positivo sulle articolazioni. Alcuni rapporti hanno indicato una crescita delle tonsille, che può portare l’individuo a diventare un “russatore” estremo. La crescita pronunciata degli organi è stata anche osservata in alcuni pazienti, in particolare i reni e la milza. Ciò rende molto importante un uso responsabile e diventa più importante se si considera il colesterolo. IGF-1 può aumentare i livelli di colesterolo; tuttavia, questo è molto gestibile con una dieta sana. Dobbiamo, tuttavia, tenere presente che molti che lo usano lo fanno con steroidi anabolizzanti, che possono anche distorcere i livelli di colesterolo. Al fine di proteggere i livelli di colesterolo, una dieta e uno stile di vita sani sono indispensabili. La dieta dell’individuo dovrebbe essere ricca di acidi grassi omega. Si consiglia l’integrazione giornaliera di olio di pesce. L’individuo dovrebbe anche limitare i grassi saturi e gli zuccheri semplici. Certo, avrai bisogno di zuccheri semplici con il tuo uso IGF-1, specificamente programmati per il tuo uso, ma a parte questo periodo dovrebbero essere severamente limitati. Si consiglia inoltre di incorporare molte attività cardiovascolari nella routine quotidiana. Alcuni potrebbero anche trovare un integratore antiossidante di colesterolo per essere utile.

IGF-1 può anche ispessire i tessuti molli del viso. Alte dosi dell’ormone sono state collegate alla crescita della struttura facciale, specialmente nella mascella e nella fronte con possibile crescita nelle mani, nei piedi e nei gomiti.

L’effetto collaterale finale di IGF-1 è un’area iniettata dolorante o contusa. L’ormone viene somministrato per via sottocutanea e tali iniezioni spesso lasciano un livido. Alcuni dati hanno anche suggerito che il tessuto adiposo localizzato può aumentare nell’area iniettata, il preciso effetto opposto che si verifica con l’uso di HGH. Quanto è forte questo effetto? È un po ‘inconcludente, ma sembra essere possibile, il che indurrebbe l’individuo a ruotare necessariamente i suoi siti di iniezione.

Un’ultima nota: quelli con il cancro non dovrebbero usare IGF-1. Questo ormone può aumentare la natura strutturale e la forza di tutte le cellule del corpo umano, comprese quelle cancerose. Se hai un cancro o un potenziale cancro ricorrente, non dovresti usare l’ormone.

 

Amministrazione IGF-1:

Le dosi di IGF-1 e i protocolli specifici di utilizzo sono un argomento controverso sia nella comunità medica che nel miglioramento delle prestazioni. In un contesto terapeutico, le dosi di IGF-1 normalmente ricadono nell’intervallo 40-80 mcg e possono essere somministrate 1-2 volte al giorno. Questa è senza dubbio una dose grande, molto grande, e può essere difficile da controllare per alcuni se consideriamo l’ipoglicemia. La maggior parte dei medici non avrà un inizio individuale superiore a 40mcg e i livelli saranno monitorati attentamente. Il dosaggio può essere aumentato di 20 mcg se necessario, ma non supererà 120 mcg per qualsiasi motivo in quanto ciò sarà estremamente difficile o addirittura impossibile da controllare per quanto riguarda l’ipoglicemia.

In un’impostazione prestazionale, 50-60mcg al giorno è molto comune, ma spesso è eccessivo. Non ci vorrà molto IGF-1 per produrre risultati fenomenali se l’individuo sta mangiando abbastanza cibo e sta usando steroidi anabolizzanti. Aggiungi l’uso raccomandato di HGH con il tuo IGF-1 e i risultati saranno notevoli. La maggior parte delle persone potrebbe facilmente iniziare con 15mcg al giorno una volta al giorno e aumentare leggermente la dose se necessario, ma questo è un ottimo punto di partenza e sarà tutto l’IGF-1 di cui molti hanno sempre bisogno.

Quindi abbiamo un uso totale. In un’impostazione prestazionale, IGF-1 verrà utilizzato per 2-4 settimane a flusso di 2-4 settimane senza che IGF-1 si ripeta tutte le volte necessarie o desiderate. Molti, come brevemente discusso all’inizio, continueranno il loro uso di IGF-1 oltre il loro ciclo di steroidi anabolizzanti in una fase a ponte in cui viene mantenuta una bassa dose di testosterone e HGH. Questo è, tuttavia, solo qualcosa che l’utente dell’ormone hardcore ed esperto intraprenderà. Se si esce dal ciclo e si accede alla fase PCT, l’uso di IGF-1 non è raccomandato poiché la promozione del grasso corporeo in eccesso sarà un grande rischio.

 

 

Tratto e tradotto da steroid.com

Le informazioni di questo articolo sono condivise solo a scopo didattico informativo.
È necessario consultare il proprio medico e di non agire su qualsiasi contenuto di questo articolo

L’eventuale posologia e le modalità di utilizzo indicate per quanto concerne l’uso in ambito sportivo od estetico, NON hanno valenza di consiglio specifico; intendono bensì fornire un’informazione di carattere generale in linea con quanto diffuso dalle pubblicazioni scientifiche in materia (vedi bibliografia od altri testi sul doping), per limitare fenomeni di abuso, fermo restando che non esiste una posologia od una combinazione di farmaci sicura e priva di effetti collaterali. Per queste ragioni l’autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti dall’utilizzo di tali informazioni.