Le informazioni di questo articolo sono condivise solo a scopo didattico informativo.
È necessario consultare il proprio medico e di non agire su qualsiasi contenuto di questo articolo

L’eventuale posologia e le modalità di utilizzo indicate per quanto concerne l’uso in ambito sportivo od estetico, NON hanno valenza di consiglio specifico; intendono bensì fornire un’informazione di carattere generale in linea con quanto diffuso dalle pubblicazioni scientifiche in materia (vedi bibliografia od altri testi sul doping), per limitare fenomeni di abuso, fermo restando che non esiste una posologia od una combinazione di farmaci sicura e priva di effetti collaterali. Per queste ragioni l’autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti dall’utilizzo di tali informazioni.

 

Citrato di Tamoxifene – Nome commerciale Nolvadex

 

Il Citrato di Tamoxifene  è un modulatore di recettori per estrogeni selettivi (SERM-Modulatori recettivi del recettore degli estrogeni) popolare e molto efficace che viene spesso chiamato antiestrogeno. Tuttavia, pur essendo un antagonista, è anche un agonista in quanto fungerà effettivamente da estrogeno in alcune parti del corpo mentre agisce da antiestrogeno in altre aree. Essendo uno dei più vecchi SERM sul mercato che viene ancora regolarmente usato in medicina, mentre Nolvadex è anche usato dagli atleti utilizzatori di steroidi anabolizzanti, non è uno steroide anabolizzante. Questa è una nota importante poiché alcuni sono spesso confusi dal suo uso nei cicli di steroidi. Nolvadex è semplicemente un SERM.

Nolvadex, ufficialmente noto come citrato di tamoxifene, è stato sviluppato per la prima volta nel 1961 da ICI, da AstraZeneca con il nome commerciale di Nolvadex. Il SERM è stato sviluppato per trattare il carcinoma mammario, in particolare il carcinoma mammario sensibile agli ormoni. Tuttavia, è stato anche efficacemente utilizzato nella prevenzione del cancro al seno. Quindi abbiamo utenti di steroidi anabolizzanti ed è stato molto tempo fa scoperto che Nolvadex aveva un posto tra gli atleti. Citrato di Tamoxifene, come è comunemente noto, può essere usato come anti-estrogeno durante un ciclo di steroidi anabolizzanti al fine di prevenire gli effetti collaterali correlati agli estrogeni. È anche usato come parte di un piano di recupero Post Cycle Therapy (PCT), che è il suo punto di utilizzo più comune e utile per chi usa gli steroidi.

 

Funzioni e tratti di Nolvadex:

Il citrato di tamoxifene è un SERM con proprietà sia di estrogeni che di antagonisti. Come antiestrogeno, Nolvadex funziona legandosi ai recettori degli estrogeni al posto degli estrogeni. Questo legame impedisce all’ormone estrogeno di svolgere la sua azione in alcune parti del corpo, motivo per cui è benefico per i pazienti con carcinoma mammario. Molte forme di cancro al seno in realtà si nutrono di estrogeni quando si attaccano ai recettori del torace. Prevenendo l’attaccamento in tali recettori, questo protegge anche gli utenti di steroidi anabolizzanti dalla ginecomastia, che può essere causata da steroidi anabolizzanti che aromatizzano come Testosterone, Dianabol e Nandrolone e Boldenone.

Mentre principalmente visto come un anti-estrogeno, Nolvadex ha anche la capacità di agire come estrogeno, in particolare nel fegato. Ciò presenta un vantaggio poiché l’attività estrogenica nel fegato è stata collegata a livelli di colesterolo migliori. Per l’utente di steroidi, questo può essere estremamente utile in quanto molti steroidi anabolizzanti tendono ad avere un effetto negativo sul colesterolo. Maggiori informazioni su questo aspetto quando esamineremo gli effetti diretti di Citrato di Tamoxifene.

Sebbene principalmente un anti-estrogeno, Citrato di Tamoxifene possiede anche forti caratteristiche stimolanti del testosterone. Nolvadex ha la capacità di bloccare il feedback negativo provocato dagli estrogeni nell’ipotalamo e nell’ipofisi. Di conseguenza, questo stimola un rilascio potenziato da parte dell’ipofisi di ormone luteinizzante (LH) e ormone follicolo stimolante (FSH). Sia LH che FSH sono essenziali per la produzione naturale di testosterone. Senza LH e FSH, con un’enfasi ancora più forte su LH, non esiste una produzione naturale di testosterone.

Effetti di Nolvadex:

Per il malato di cancro al seno, gli effetti di Nolvadex sono molto semplici. Bloccando l’ormone estrogeno dall’attaccare il cancro non è in grado di nutrirsi dell’ormone necessario alla sua sopravvivenza. Sebbene efficace, non è sempre l’unico composto utilizzato o addirittura il primo. Spesso gli inibitori dell’aromatasi (IA-inibitori aromatasi) vengono utilizzati all’inizio poiché hanno la capacità di abbassare i livelli sierici di estrogeni. Nel tempo, verrà effettuato il passaggio da IA a uno SERM come Nolvadex. In una situazione preventiva, coloro che hanno una forte storia familiare di carcinoma mammario possono prevenirla con l’uso precoce di Citrato di Tamoxifene.

Per l’utente di steroidi anabolizzanti, l’effetto primario di Nolvadex sul ciclo è nella prevenzione della ginecomastia. Nolvadex non sembra avere un forte effetto nel prevenire l’altro effetto estrogeno primario nella ritenzione idrica, ma questo può spesso essere controllato in altri modi. Per quanto riguarda la protezione della ginecomastia, questo può essere sufficiente per molti uomini e dovrebbe essere la prima scelta se riesce a fare il suo lavoro. In caso contrario, si avrà bisogno di un IA come Arimidex (Anastrozole) o Femara (Letrozole). Tuttavia, l’IA può avere un effetto negativo sul colesterolo. L’ IA  da sola non sembra avere un effetto forte e negativo, ma se associata a uno steroide aromatizzante questo effetto sembra esasperato. Il colesterolo può essere controllato con l’uso di un IA, ma se riesce a fare il lavoro un SERM come Nolvadex dovrebbe essere la prima scelta. Come bonus aggiuntivo, ricorda che questo SERM avrà un impatto positivo sui livelli di colesterolo.

L’effetto finale di Citrato di Tamoxifene rappresenta il più prezioso per l’utente di steroidi anabolizzanti. L’uso di steroidi anabolizzanti sopprimerà la produzione naturale di testosterone. Il tasso di soppressione dipenderà dagli steroidi in uso, ma nella maggior parte dei casi sarà significativo. Una volta terminato l’uso di steroidi anabolizzanti, supponendo che l’individuo non abbia sofferto di una precedente condizione di testosterone basso e non abbia danneggiato l’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi (HPTA) attraverso pratiche improprie, la produzione naturale di testosterone inizierà a riprendere. Questa produzione naturale inizierà da sola, tuttavia c’è un problema. Una volta usciti dal ciclo, i livelli naturali di testosterone saranno estremamente bassi e, mentre la produzione ricomincerà, rimarranno bassi per molto tempo. Ci vorranno mesi e mesi affinché il corpo recuperi completamente i suoi precedenti livelli elevati di testosterone naturale. In effetti, potrebbero essere necessari fino a un anno o più a seconda della durezza del ciclo e delle disposizioni generali dell’individuo. Ciò significa che l’individuo sarà in uno stato di basso livello di testosterone per un bel po ‘di tempo e che può presentarsi con una serie di fastidiosi sintomi. Questa condizione può includere tutti i sintomi associati al basso livello di testosterone. Inoltre, con livelli di testosterone bassi, l’individuo può benissimo perdere molto tessuto muscolare acquisito con l’uso di steroidi poiché il cortisolo diventa l’ormone dominante nel corpo.

A causa dei bassi problemi di testosterone dopo un ciclo di steroidi anabolizzanti, la maggior parte degli uomini è incoraggiata ad attuare un piano PCT che includa l’uso di steroidi post anabolizzanti Nolvadex. I piani PCT solidi spesso contengono Nolvadex, nonché il Clomid SERM (citrato di clomifene) e il potente ormone peptidico HCG (gonadotropina corionica umana). Implementando questo piano PCT, stimolerai notevolmente la produzione naturale di testosterone, accelererai il processo di recupero e proteggerai notevolmente il fisico. Una volta terminato il piano PCT, contrariamente alla credenza popolare, i livelli di testosterone non si riporteranno al loro normale stato di livello. Il recupero totale richiederà ancora molto tempo. Tuttavia, un piano PCT che include Nolvadex ti assicurerà di avere abbastanza testosterone per una corretta funzione corporea mentre i tuoi livelli continuano a salire naturalmente.

 

Effetti collaterali di Nolvadex:

Ci sono possibili effetti collaterali dell’uso di Nolvadex, ma scopriremo che questo è un SERM molto ben tollerato per la maggior parte degli uomini e delle donne. Tuttavia, ci sono possibili effetti collaterali ma sono generalmente molto rari. La maggior parte degli uomini non avrà problemi. Gli effetti collaterali di Citrato di Tamoxifene saranno un po ‘più comuni nelle donne, ma anche allora non sono poi così comuni. I possibili effetti collaterali dell’uso di Citrato di Tamoxifene includono:

Prurito vaginale, sanguinamento, secrezione o fastidio
Vampate di calore
Mal di stomaco
Mal di testa

Quanto sopra sono gli effetti collaterali più comuni di Nolvadex. Altri possibili effetti collaterali di Nolvadex sebbene meno comuni di quelli sopra riportati includono:

Eruzione cutanea
Diminuzione del numero dei globuli bianchi
Cambiamenti dell’endometrio
Livelli di trigliceridi aumentati
Embolia polmonare

Come nota finale, le donne in gravidanza o che potrebbero rimanere incinte non devono assumere Nolvadex per nessun motivo. Tale uso può potenzialmente essere molto dannoso per il bambino in via di sviluppo.

 

Amministrazione di Nolvadex:

Nolvadex è utilizzato in numerosi piani di carcinoma mammario. Esistono sei piani specifici di trattamento del carcinoma mammario che possono includere il trattamento maschile e femminile. Indipendentemente dallo specifico scenario del carcinoma mammario, le dosi standard di Nolvadex normalmente cadono negli intervalli di 10-20 mg due volte al giorno. Una dose iniziale di 40 mg al giorno è molto comune. Una volta che il cancro al seno è stato eliminato, non è raro che una dose di 10-20 mg al giorno continui indefinitamente.

Ai fini della protezione estrogenica degli effetti collaterali durante l’uso di steroidi anabolizzanti, sono comuni 10-20 mg al giorno.  Se non è possibile controllare la ritenzione idrica o ginecomastia con questa dose, potrebbe anche essere necessario prendere in considerazione l’ IA, ma con una dieta sana non abbondante nelle calorie, in particolare i carboidrati, la ritenzione idrica dovrebbe essere controllata. Molti atleti da prestazione spesso accusano in modo inesatto gli steroidi per la loro eccezionale ritenzione idrica, quando in verità per la maggior parte della causa è che  mangiano più del necessario. Un eccesso di cibo farà trattenere l’acqua, aggiungere steroidi aromatizzanti sarà peggio. Controlla la dieta e controlla gli estrogeni attraverso SERM e la maggior parte dovrebbe andarsene. Se è necessaria un IA  in cicli pesanti e cicli di competizione normalmente, i livelli di colesterolo diventeranno ancora più importanti.

Ai fini della PCT, le dosi standard di Nolvadex inizieranno normalmente a 40 mg al giorno. La dose si mantiene normalmente a 40 mg al giorno per un paio di settimane, si riduce a 20 mg al giorno per un paio di settimane e quindi termina con una o due settimane opzionali a 10 mg al giorno. Come terminerà il tuo ciclo determinerà quando inizi la terapia con Nolvadex. Se è incluso HCG, ciò influirà anche sui tempi.

Se il ciclo termina con steroidi anabolizzanti a base di estere di grandi dimensioni, inizierà Nolvadex 2 settimane dopo l’ultima iniezione.

Se il ciclo termina con tutti gli steroidi anabolizzanti a base di piccoli esteri, inizierà Nolvadex 3 giorni dopo l’ultima iniezione.

Se il tuo ciclo termina con steroidi anabolizzanti a base di estere di grandi dimensioni, inizierai HCG dieci giorni dopo l’ultima iniezione e inizierai Nolvadex al termine della terapia HCG.

Se il ciclo termina con tutti gli steroidi anabolizzanti a base di piccolo estere, inizierai HCG 3 giorni dopo l’ultima iniezione e inizierai Nolvadex al termine della terapia HCG.

 

Recensione di Nolvadex:
Ci sono diversi SERM disponibili, Nolvadex e Clomid sono i più comuni, ma di tutti i SERM Nolvadex può benissimo essere il più vantaggioso. È indubbiamente benefico per i malati di cancro al seno e puoi garantire che molti di loro ne sono abbastanza grati. In una capacità di prestazione, l’individuo non dovrebbe aspettarsi alcun tipo di aumento di prestazione reale. Certo, può stimolare la produzione naturale di testosterone, ma il suo utilizzo qui ti aiuterà semplicemente a riportarti alla normalità, niente di più. Tuttavia, coloro che includono Nolvadex nel PCT rispetto a quelli che non lo fanno o che rinunciano del tutto al PCT, scopriranno che l’utente di Nolvadex protegge notevolmente il suo tessuto magro. L’utente di Nolvadex manterrà molto più tessuto muscolare e forza. E poi rimaniamo con la protezione del ciclo, e sebbene non sia il più forte protettore, se consideriamo il beneficio cardiovascolare è uno dei più preziosi. Molti utenti di steroidi anabolizzanti si preoccupano regolarmente della ritenzione idrica, un po ‘di acne e cose di natura visiva, ma proteggere la nostra salute cardiovascolare è davvero il fattore più importante.

Riferimenti Nolvadex:

Klin Padiatr. 1987 Nov-Dec; 199 (6): 389-91.
Stimolazione della capacità secretoria della calcitonina mediante aumento dei livelli sierici di testosterone negli uomini trattati con tamoxifene. Int J Androl. 1987 dic; 10 (6): 747-51.
Cambiamenti ormonali negli uomini trattati con tamoxifene con oligozoospermia idiopatica Exp Clin Endocrinol. 1988 dicembre; 92 (2): 211-6.
2 Bruning PF, Bronfer JMG, Hart AAM, Jong-Bakker M, tamoxifene, lipoproteine sieriche e rischio cardiovascolare, fr. J. Cancer 1988 ottobre, 58 (4) 497-9
Fertil Steril. 1978 marzo; 29 (3): 320-7.

 

Tratto e tradotto da steroid.com

Le informazioni di questo articolo sono condivise solo a scopo didattico informativo.
È necessario consultare il proprio medico e di non agire su qualsiasi contenuto di questo articolo

L’eventuale posologia e le modalità di utilizzo indicate per quanto concerne l’uso in ambito sportivo od estetico, NON hanno valenza di consiglio specifico; intendono bensì fornire un’informazione di carattere generale in linea con quanto diffuso dalle pubblicazioni scientifiche in materia (vedi bibliografia od altri testi sul doping), per limitare fenomeni di abuso, fermo restando che non esiste una posologia od una combinazione di farmaci sicura e priva di effetti collaterali. Per queste ragioni l’autore declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti dall’utilizzo di tali informazioni.