skip to Main Content

L’ Allenamento aerobico (cardiofit)

Per il miglioramento dell’efficienza fisica l’attività più indicata è senza dubbio quella “aerobica” (detta anche “Cardio – Fitness”).

Per attività di tipo “aerobico”, si intende un attività fisica pianificata, ripetitiva che ha come principale obiettivo il miglioramento della forma fisica e che viene eseguita con un intensità sub-massimale e tale da prevenire l’accumulo di acido lattico (metabolita della fatica).

Le attrezzature per il cardio – fitness possono essere utilizzate
anche:

nella fase di avvio ad attività di pesistica.
nell’allenamento sportivo (fase generale).
nell’allenamento cardiovascolare (sia nel soggetto sano che nel cardiopatico).
nella rieducazione funzionale.
nella prevenzione e cura della Sindrome Metabolica.

ADATTAMENTI DETERMINATI DALL’ALLENAMENTO AEROBICO

L’allenamento aerobico determina:

Aumento mioglobina nella cellula muscolare.

Aumento ossidazione dei carboidrati (per aumento del numero dei
mitocondri, scorte di glicogeno nel muscolo, attività e concentrazione
enzimatica).

Aumento ossidazione degli Acidi Grassi (FFA).

Ipertrofia delle fibre rosse.

Aumento diametro e densità dei miofilamenti di actina e miosina.

Aumento capacità di estrazione di O2.

Aumento volume del sangue.

TIPOLOGIE DI LAVORO

Metodi di allenamento cardiovascolare:

Piramidale
Collina
Fartlek
Interval Training
Fat Burner
Lavoro in circuito
Circuito “cardio”

Circuito con inserimento di esercizi con piccoli sovraccarichi, per il condizionamento muscolare (Cardio Pump – Team Box).

L’esercizio aerobico è in grado di prevenire e/o ritardare la comparsa della Sindrome Metabolica e di ridurre i rischi di cardiopatia ischemica, ictus e aterosclerosi.

La SINDROME METABOLICA è caratterizzata da:

Sovrappeso – Obesità.
Ridotta tolleranza al glucosio.
Aumento del grasso viscerale.
Insulino resistenza.
Dislipidemia.
Incremento della glicemia.
Diminuzione del colesterolo HDL e aumento di quello LDL.
Ipertensione arteriosa.

EFFETTI DELL’ESERCIZIO FISICO

Aumento capillarizzazione delle fibre rosse, con effetti benefici sulla pressione arteriosa.
Diminuzione frequenza cardiaca a riposo.
Diminuzione attività simpatica (con l’allenamento prevale il sistema vagale, che induce riduzione delle resistenze periferiche).
Diminuzione Body Mass Index e Circonferenza Vita.
Diminuzione colesterolo LDL e aumento colesterolo HDL.
Miglioramento sensibilità insulinica.
Migliore assetto lipidico e glucidico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi