skip to Main Content

 

 

Quando si tratta di idee controverse riguardo i cibi, la soia è la prima ad esser presa in considerazione.
Il tofu, il latte di soia, il miso e così via hanno avuto a lungo una reputazione come alimenti per la salute eccezionali.
Eppure, tutti abbiamo sentito parlare di studi scientifici terrificanti che ritengono che mangiare soia può alterare gli ormoni, la tiroide e persino in alcuni casi causare il cancro.
Il problema è capire da che parte stia la verità, la soia merita quell’aureola riguardo la salute, oppure no ?
Come spesso accade quando si parla di nutrizione, le risposte non sono mai o bianche o nere.
Negli anni 90’, quando i cibi a base di soia hanno iniziato ad invadere le nostre tavole, gli esperti nutrizionisti, ritenevano che la soia avesse i requisiti per combattere problemi legati all’obesità, alle malattie cardiache e persino a ridurre il rischio legato all’insorgenza del cancro.
Dopo tutto, le persone in Asia mangiavano un sacco di soia e gli studi dimostravano che queste popolazioni avessero tassi significativamente più bassi di obesità come per le malattie cardiache e il cancro al seno, rispetto alle persone per esempio residenti negli Stati Uniti.

La soia era davvero il cibo miracoloso che manteneva le persone asiatiche così sane?

Questi studi riguardavano solo alcune associazioni di persone, non l’intera popolazione.
Le persone che consumavano soia non necessariamente erano più sane di quelle che non mangiavano la soia poiché Innumerevoli fattori, come la genetica, lo stile di vita, l’inquinamento, e l’alimentazione erano deterrenti non tenuti in considerazione nella casistica degli studi effettuati.
Quando i ricercatori hanno iniziato a dare un’occhiata più da vicino per scoprire cosa ha reso la soia così salutare, hanno avuto delle sorprese.
La soia, si è scoperto, contenga composti simili agli estrogeni chiamati isoflavoni.
Alcuni risultati degli studi effettuati successivamente, hanno suggerito che questi composti potrebbero promuovere la crescita di alcune cellule tumorali, compromettere la fertilità femminile, compromettere la funzione tiroidea, e abbassare i valori di testosterone nell’uomo.
Allo stesso tempo, altri studi dimostravano che il consumo di soia poteva abbassare il colesterolo alto e aiutare le donne ad affrontare i sintomi della menopausa.
Come per tutti gli alimenti, gli esperti non sanno ancora con certezza tutto ciò che c’è da sapere sulla soia. Ma la ricerca degli ultimi anni suggerisce che il consumo moderato di alimenti a base di soia minimamente lavorata non dia evidenti effetti collaterali.
Risultati mostrano che il consumo di soia può ridurre leggermente il rischio di tumori gastrointestinali e avere un effetto protettivo nei sopravvissuti al cancro alla prostata.
Mangiare una dieta ricca di fibre è anche legato alla diminuzione dei tassi di cancro al colon, e alcuni alimenti a base di soia hanno un alto contenuto di crusca.
La soia sembra essere benefica per la fertilità, purché non se ne mangi troppa.
Le donne sottoposte a fecondazione in vitro che hanno un’esposizione ambientale al BPA (bisfenolo A) hanno maggiori probabilità di rimanere incinte se mangiano anche soia.
Probabilmente, questo è dovuto al fatto che gli isoflavoni della soia aiutano a neutralizzare gli effetti di disturbo endocrino del BPA (bisfenolo A), così affermano i ricercatori.
L’importante è non esagerare con il consumo giornaliero della soia, dovrebbe stare sotto gli 80/100 mg di isoflavoni al giorno.
Altrimenti come alimento benefico, potrebbe avere il risvolto della medaglia diventando dannoso per altri fattori.
È stato dimostrato che gli alimenti a base di soia interferiscono con l’assorbimento da parte del corpo nei farmaci per la tiroide, ma solo se si esagera con i dosaggi.
Uno studio ha anche scoperto che mangiare soia potrebbe aumentare il rischio di ipotiroidismo borderline progredendo verso il pieno ipotiroidismo.
Ma le prove sono ancora lontane dall’essere conclusive e gli esperti concordano sul fatto che le persone con problemi alla tiroide non hanno bisogno di evitare del tutto la soia.
Le prime ricerche hanno suggerito che la soia potrebbe aiutare a ridurre i livelli di colesterolo cattivo.
Ma risultati più recenti hanno dimostrato che potrebbe non essere affatto vero, nel 2008, l’American Heart Association ha detto che non c’erano prove sufficienti per dire con certezza che la soia riducesse il rischio di malattie cardiache.
Tuttavia, è lecito ritenere che la soia abbia dei benefici.

In generale, la sostituzione di alimenti animali con alimenti vegetali come la soia riduce l’assunzione di grassi saturi e aumenta l’assunzione di fibre, entrambe buone per il cuore.

I migliori e peggiori tipi di soia da mangiare

 Tutti i potenziali benefici della soia sono accompagnati da un avvertimento importante: per ottenerli, è necessario selezionare forme minimamente elaborate di tempeh, tofu, miso ed edamame biologici, non OGM.
(I prodotti a base di soia non etichettati come biologici o non OGM sono quasi definitivamente modificati geneticamente.
Questi alimenti servono l’intero pacchetto nutrizionale di soia, senza il lato dello zucchero aggiunto, i grassi malsani, il sodio o conservanti che di solito si trovano in alimenti altamente trasformati
Gli alimenti a base di soia come analoghi a base di carne, barrette di soia, yogurt di soia o polveri proteiche di solito contengono solo isolati di proteine di soia, piuttosto che la nutrizione di tutta la soia. “Proprio come gli altri alimenti trasformati sono più bassi nella densità dei nutrienti, rimuovere la proteina dagli altri enzimi e batteri necessari per la digestione influenza la qualità nutrizionale e la biodisponibilità degli isoflavoni della soia.
Come per tutti gli alimenti, la moderazione è la strada da percorrere.
Generalmente, da 3 a 4 porzioni di alimenti a base di soia settimanali, minimamente lavorati, non dovrebbero creare problemi alla salute.
Una delle principali preoccupazioni in merito alla soia riguarda gli isoflavoni, la maggior parte della soia odierna ne contiene naturalmente.
Questi isoflavoni sono un tipo di fitoestrogeni, che sono stati descritti come “imitatori di estrogeni” nel corpo e incolpati di tutte quelle conseguenze che comportano un aumento di estrogeni.
Soprattutto per gli uomini, si presume che il consumo di fitoestrogeni possa portare a ulteriori caratteristiche femminili che si sviluppano nel corpo come la ginecomastia (altrimenti nota come “tette d’uomo”), o conseguente diminuzione dei livelli di testosterone e la potenziale infertilità.
Attualmente ci sono poche prove scientifiche (praticamente nessuna) per supportare queste credenze.
Il presupposto che gli estrogeni vegetali (fitoestrogeni) si comportino allo stesso modo degli estrogeni dei mammiferi è solo un’ipotesi.
Sebbene gli estrogeni vegetali siano strutturalmente simili agli estrogeni dei mammiferi, non possono essere creati dal sistema endocrino umano e, dal punto di vista funzionale, sono solo debolmente estrogenici.
Occupando i nostri recettori di estrogeni, i fitoestrogeni abbassano in teoria i livelli di estrogeni nel nostro sangue invece di aumentarlo!
In un solo caso si è scoperto dove un uomo di 60 anni aveva sviluppato la ginecomastia, bevendo un ¾ di litro abbondante di latte di soia al giorno.
Dopo essere stato consigliato di ridurlo, la sua “condizione” si è invertita eliminando completamente la ginecomastia.
Per le donne, preoccupante è che un maggiore apporto di estrogeni possa aumentare il rischio di cancro al seno, cancro cervicale, PCOS (sindrome dell’ovaio policistico) e altri disturbi correlati agli squilibri ormonali.
Tuttavia, anche questa ipotesi ignora ancora una volta il fatto che i fitoestrogeni sono diversi dagli estrogeni dei mammiferi.
In realtà, è stato dimostrato che i fitoestrogeni possono apportare benefici all’organismo bloccando l’estrogeno e riducendo il rischio di cancro al seno.
Vale anche la pena notare che la soia non è l’unico alimento contenente fitoestrogeni.
Questi tipi di estrogeni vegetali sono anche prevalenti in caffè, mele, avena, fagioli, birra, menta, riso, carote e semi di lino, per citarne alcuni.
Quindi se l’obiettivo è evitare i fitoestrogeni … bisognerebbe evitare un sacco di cibi!
Personalmente consiglio di non esagerare con l’utilizzo della soia , ma anche di altri alimenti, e si riassume come il mangiar poco ma di tutto, poiché ogni corpo e a se, un cibo può far bene o può far meno bene a seconda delle caratteristiche del soggetto, anche perché il problema reale di fondo non è l’assunzione della soia, ma la preparazione e la modifica effettuata su di essa che arriva alle nostre tavole, come  d altro canto avviene per gli altri alimenti.

Tutto ciò tradotto lo chiamo semplicemente “INQUINAMENTO”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi