skip to Main Content

di Emanuela D’Ingeo

Personal Trainer, Atleta di Roberto Eusebio

 

 

La Pizza

Una pizza preparata con lievitazione NON naturale o non completa può provocare gonfiori fastidiosi alla pancia, un pomodoro non ben conservato può facilitare il reflusso gastroesofageo o una mozzarella di cattiva qualità …..

La pizza fa male se

Gli ingredienti non sono di buona qualità (se si è attenti lo si capisce subito anche soltanto osservando l’aspetto), se nei bordi o nella parte sottostante ci sono zone particolarmente bruciate (o addirittura carbonizzate) e, ultimo ma non meno importante, se la pasta non è ben lievitata. Una parziale lievitazione, interrotta per condizioni climatiche non ideali o a causa della “fretta”, oltre a creare aria nello stomaco, reflusso e disturbi , può incidere particolarmente sulla morbidezza e il gusto finale dell’alimento. In questo modo la pizza risulterà più pesante, compatta e di gomma.

La pizza fa bene se

Gli ingredienti sono ben dosati, i tempi di lievitazione rispettati e le materie prime di qualità.
Per ottenere una pizza perfetta uno degli ingredienti essenziali è il lievito e bisogna sceglierlo bene. …il migliore in fatto di digeribilità e lievitazione, utilizzate quello in granuli come consigliano molti esperti. Ne bastano 7 gr per un kg di farina. Se, invece, preferite il panetto fresco, utilizzatene 1 per un kg di farina.
C’è farina e farina …. sappiate che la pizza sarà più buona se la farina è di ottima qualità.
La pizza con farina integrale : il valore aggiunto e’di essere ricca di fibre e di agevolare quindi la digestione. ..utilizzando la farina integrale per la preparazione della pizza, utilizzerete ingredienti meno raffinati e quindi migliori per l’organismo.

Di farine integrali ne esistono davvero molte, tutte accomunate da proprietà nutrizionali simili:
• Hanno un indice glicemico più basso rispetto a quelle raffinate.
• Apportano meno energia proveniente dai carboidrati.
• Apportano più fibre, sali minerali, proteine e vitamine.
Queste farine sono più “saporite” rispetto alle altre, proprio perché, non essendo raffinate, contengono tutte le parti del frumento; sono inoltre molto apprezzate perché dopo la cottura acquistano un gusto tendente leggermente al dolce.
Le farine integrali sono davvero tante ma non è vero che non contengono glutine.

Le persone celiache non possono consumare quelle ricavate da:

• Frumento
• Farro
• Orzo
• Spelta
• Avena
• Segale

Se soffrite di questo tipo di intolleranza, per prepararvi in casa pane o pizza dovrete utilizzare altre farine, derivate da:

• Riso
• Mais
• Grano saraceno
• Miglio
• Amaranto
• Quinoa

E’ importante ricordare che, non contenendo glutine, queste farine integrali (soprattutto per creare impasti lievitati come quelli per la pizza), andrebbero utilizzate in combinazione fra loro per ottenere risultati ottimali.

La preparazione dell’impasto di una pizza integrale è simile a quella per la pizza preparata con farina 00: l’importante è che acquistiate un mix di farine studiato apposta per la pizza.

Vi serviranno: acqua, sale, olio e del lievito fresco in panetti:

• 500 gr di farina integrale.
• Aggiungetevi 250 cl di acqua
• Unite il lievito che avrete fatto ammorbidire in un po’ di acqua calda.
• Cominciate ad impastare con le mani (aggiungendo due cucchiai di olio ) fino ad ottenere un panetto elastico ed omogeneo.
• Verso la fine del processo di impastatura aggiungete un pizzico di sale.
• Lasciate il panetto a lievitare almeno 3 ore in un luogo tiepido ed asciutto.

Una volta che l’impasto sarà lievitato, formate dei panetti più piccoli e ricavatevi i dischi di pasta, che stenderete con le mani, con un movimento dal centro verso i bordi.
A questo punto non vi resta che dare libero sfogo alla fantasia condendo la vostra pizza come più vi piace (le farine integrali sono adatte a qualunque tipo di condimento) ed infornarla in forno già caldo a 280° per circa 10 minuti.

Se vi avanza un po’ di farina, ricordatevi di conservarla in un luogo buio, asciutto e molto fresco, in quanto la farina integrale contiene più lipidi rispetto alla 00 e tende ad ‘’andare a male’’.

Buon appetito!!

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi