skip to Main Content

 

 

La glutammina è uno dei 20 amminoacidi presenti in natura nelle proteine alimentari, in particolare è un amminoacido non essenziale poiché prodotta dal nostro corpo, ma condizionatamente ne diventa essenziale.

La glutammina è l’amminoacido più comune presente nei muscoli: oltre il 61% del muscolo scheletrico è glutammina.

La glutammina è un amminoacido (elemento costitutivo delle proteine), che si trova naturalmente nel corpo sintetizzata da alcuni organi come il fegato e dai muscoli stessi.

Molti altri aminoacidi in particolar modo i BCAA – branched-chain-amino-acid (aminoacidi a catena ramificata, leucina, isoleucina, valina) fungono da precursori della glutammina.

La glutammina contiene il 19% di azoto, ciò la rende il principale trasportatore di azoto nelle cellule muscolari.

Una buona idratazione a livello muscolare ne favorisce la crescita, ne aumenta la sintesi proteica, ecco perché si consiglia di bere molto, la disidratazione è invece sinonimo di catabolismo muscolare, la glutammina è in grado di aumentare tale idratazione a livello muscolare.

Durante l’allenamento diminuisce la glutammina nel sangue i muscoli di conseguenza cominciano a sintetizzare glutammina da altri aminoacidi come i BCAA portando inevitabilmente all’esaurimento di questi, ecco perché è bene integrare BCAA nel pre e post workout insieme alla glutammina, per limitare ridurre il catabolismo muscolare.

Una carenza di glutammina, come detto in precedenza, porta ad una riduzione della sintesi proteica che viene accentuata nelle ore successive ad un allenamento;

Un’altra funzione importante della glutammina è quella di mantenere un equilibrio acido-base ottimale durante l’allenamento, dove inevitabilmente si produce acido lattico.

È venduto anche come amminoacido isolato, ma si trova in livelli molto elevati sia nel siero che nelle proteine della caseina.

La glutammina è per il sistema intestinale e immunitario molto efficace, poiché queste cellule usano la glutammina come fonte di combustibile preferita piuttosto che glucosio.

Generalmente viene pubblicizzato come un aminoacido costruttore di muscoli, ma non è stato dimostrato che possa migliorare la costruzione muscolare, ipertrofia.

Solo quelli che soffrono di traumi fisici come ustioni o ferite muscolari (ferite da coltello) o stati patologici in cui si verifica un deperimento muscolare, come l’AIDS, allora in questi individui, la glutammina potrebbe essere efficace nella ricostruzione muscolare, ma solo rigenerativa da deperimento.

La glutammina è anche usata per contrastare gli effetti collaterali dei trattamenti medici.

Ad esempio, diarrea, dolore e gonfiore all’interno della bocca (mucosite), dolore ai nervi (neuropatia) e dolori muscolari e articolari causati dai farmaci antitumorali.

La glutammina è usata per proteggere il sistema immunitario e il sistema digestivo nelle persone sottoposte a radio-chemioterapia per il cancro.

Inoltre, la glutammina viene anche utilizzata per migliorare il recupero dopo trapianto di midollo osseo o chirurgia intestinale, aumentando il benessere e il recupero nelle persone che hanno subito lesioni traumatiche e sofferenze in condizioni critiche.

Alcune persone usano la glutammina per il sistema digestivo come ulcere allo stomaco, colite ulcerosa e malattia di Crohn.

È anche usato per la depressione, malumore, irritabilità, ansia, insonnia.

La polvere di glutammina può essere ordinata attraverso la maggior parte dei fornitori di farmaci o integratori alimentari.

La glutammina per uso commerciale (integratore) è costituita da un processo di fermentazione che utilizza batteri che producono glutammina.

In conclusione gli studi hanno dimostrato che la supplementazione di L-Glutammina può minimizzare la rottura e il catabolismo dei muscoli e quindi migliorare il metabolismo delle proteine ecco perché è consigliabile il suo utilizzo dopo un workout intenso.

Durante l’allenamento intenso, i livelli di glutammina sono molto impoveriti nel corpo, il che ne fa diminuire la forza, la resistenza e il recupero.

Potrebbero essere necessari fino a 6 giorni affinché i livelli di Glutamina tornino alla normalità e la glutammina svolge un ruolo chiave nella sintesi proteica.

Un dosaggio medio che varia dai 5 ai 10 gr durante la giornata o nel post workout, a seconda della percentuale di massa muscolare è la posologia consigliata agli atleti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi