skip to Main Content

FUNZIONI DELL’ACQUA NEL CORPO

di

Veronica Rossini (Personal Trainer)

Veronica Rossini (Personal Trainer)

 

L’acqua rappresenta il 40-70% della massa corporea in funzione dell’età, del sesso e della composizione corporea; costituisce dal 65 al 75% della massa muscolare e circa il 10 % della massa grassa.

Di conseguenza, differenze nel contenuto di acqua sono alla base delle grandi differenze inter-individuali della composizione corporea (ad esempio differenza tra massa magra e tessuto adiposo). I soggetti grassi presenteranno un minor contenuto di acqua, quindi individui con una maggior quantità di grasso hanno una percentuale complessiva di acqua minore nel loro corpo. Una persona normale dovrebbe assumere mediamente circa 1200 mL di acqua al giorno. In condizioni di attività fisica intensa in climi caldi l’assunzione giornaliera aumenta fino a 5-6 volte rispetto al normale. L’acqua proviene principalmente da tre fonti: cibi, liquidi ed endogena (metabolismo).

La frutta e gli ortaggi contengono una grande quantità di acqua al contrario di burro, olio, cioccolato, biscotti e dolci vari. Esempi di un basso contenuto di acqua sono le arachidi e il burro da esse derivato, in cui il contenuto di acqua è solo in tracce. Le noci contengono solo il 4% di acqua mentre la percentuale aumenta con il pane integrale (35%), hamburger di manzo (54%) e latte intero (87%). Lattuga, cetrioli,sedano,peperoni verdi, bietole,cavoli bolliti, fragole, melone e pesche sono alimenti che superano il 90% di acqua.

L’attività fisica in condizione di elevata temperatura ambientale aumenta la necessità di assunzione di acqua. In condizioni estreme il fabbisogno può essere aumentato di 5-6 volte le normali necessità. Substrati energetici e ossigeno sono sempre veicolati in soluzioni acquose, come anche le scorie metaboliche sono eliminate in soluzione acquosa.. Il processo di sudorazione rappresenta la forma principale di perdita di acqua attraverso la cute; il sudore che viene secreto da ghiandole sudoripare e la sua evaporazione dalla cute stessa rappresenta un processo che sottrae calore all’organismo pertanto causa una riduzione della temperatura corporea.

Veronica Rossini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi