Home

Roberto Eusebio

Fitness Femminile

il Blog di Roberto

Facebook Forum

Esercizi in Video

Alimentazione

Allenamento

Salute / Bellezza

Psicologia

Video/Gallery

Foto / Gallery

Domande Forum

Canale Youtube

 

 

Ipertensione

La Cellulite

Il Grasso Corporeo

L'invecchiamento

Lo Sport e' Vita

Bodybuilding

Donne in palestra

Personal Trainer

I miracoli del Pilates

Mental Training

Antropoplicometria

Sport e Scienza

Bodyfitness

In palestra non seguiti

L'istruttore non segue

Sport per tutti gli sport

Dimagrire con il PT

Preparatore atletico

Fame nervosa

Dieta dissociata

Dieta a zone

Dieta Chetogenica

Sport alimentazione

Dimagrire mangiando

Atp

Proteine

Carboidrati

Grassi

Vitamine

Creatina

Caffeina

La Nuova Frutta

La Dieta Anti-Age

I Pettorali

I Dorsali

Le Spalle

Gli addominali

Quadricipiti

Il Doms

Stretching

Allenam. Eccentrico

Pettorali piatti ?

Attivita' Aerobica

Pilates

Quanto recuperare ?

Stacchi da Terra

Polpacci

Intensita' o Volume

Tab. di Allenamento

Cambio scheda ?

Spinning

Pianific. l'allenamento

Tab. quanti kg usare

Percezione Muscolare

Dolori alla schiena e all

 

 

Domande dai Forum

 

Maggio 2010

Emanuele Pizzi

Se dovessi ricercare un modello, che nel tempo ha saputo plasmare saggiamente il suo corpo senza eccedere nella sua armoniosità, è sicuramente Roberto Eusebio, esempio di come il body building - praticato in maniera costante - possa cambiare la natura di un corpo.  Appena ho proposto l'intervista a Roberto, ho ricevuto subito la sua risposta affermativa e al sua disponibilità massima indice di grande semplicità nonostante il suo trascorso agonistico.

 

Da quanti anni sei nel mondo del Body Building?

E qual' è stata la scintilla che ha fatto scattare la passione?

 

Roberto Eusebio:

Avevo l’età di quindici anni quando il medico curante mi consigliava, anzi mi obbligava a frequentare una palestra (non esistevano ancora i centri fitness). Pesavo 59 chili, per un altezza di un metro e ottanta centimetri; avevo un atteggiamento cifotico, con antiversione del bacino e cominciava ad accentuarsi una curva scoliotica della colonna: insomma quella tipologia di uomo definita “invertebrato”… ironizzo ma è vero avevo problemi seri !! Gli amici mi chiamavano smilzo!! Ero un ragazzo molto insicuro, introverso, non adoravo i giochi di squadra poiché debole strutturalmente e psicologicamente quindi molto fragile. La mia introversione mi portava ad un insicurezza che limitava le opportunità che la vita poteva offrirmi, infatti, studiavo, leggevo, guardavo la tv, questo era il massimo dell’attività fisica che facevo..Guardando la tv, negli anni circa 1981 – 1985, cominciai apprezzare quei fisici che gli ambienti culturistici ed il cinema ci proponeva, come il grande atleta Lou Ferrigno, quest’uomo debole ma che quando lo facevano irritare d’incanto si trasformava nell’incredibile Hulk, invincibile, con quei muscoli nessuno poteva influire nel suo modo di essere, oppure il grande Arnold in Conan il Barbaro,con la sua possente forza muscolare contro le forze della natura, e cosi via con Ercole, interpretato da Steve Rees, e Stallone con Rambo, Rocky , ecc…. Questi personaggi mi incutevano una certa sicurezza una certa forza interiore, che nel mio mondo immaginario mi rendeva invincibile.!!Malgrado questo non impazzivo per l’attività fisica da palestra, anzi era per me una fatica abnorme. Perché avrei dovuto fare tale fatica?Ho passato i primi tre anni di palestra, sorvegliato dai miei genitori che controllavano se frequentassi realmente o se, come a scuola, bigiavo. Non ho mai gradito essere obbligato a fare un qualcosa che non mi piacesse fare!Come tutti del resto!!

Quando i miei genitori si arresero al rifiuto categorico che io volessi frequentare ancora la palestra, proprio allora cominciai ad appassionarmi ad essa sul serio! A diciannove anni circa la rivalutai: in fondo, tutto sommato, era anche piacevole, mi riferisco soprattutto alla presenza delle ragazze! Anche se la mia insicurezza mi limitava solo a guardarle … Avevo fatto tre anni senza vedere neanche un muscoletto che potesse motivarmi a continuare, avevo cambiato almeno cento schede di allenamento; allora cercai di analizzare il perché del mio fallimento. I miei allenamenti erano basati sul sollevare pesi e non sul congestionare i muscoli; cosa vuol dire? Mi concentravo troppo a caricare e mi stancavo (come uno scaricatore di porto), invece la soluzione era molto più semplice: bastava poco carico per strizzare bene ogni distretto muscolare. Ma la verità è che bastava che guardassi bene dentro di me , cominciai ad amarmi iniziando così un lungo studio di chi ero come ero che sensazioni mi dava l’allenamento, quale endorfina produceva il mio fisico per darmi tutto quel piacere ?? e soprattutto quella sicurezza in me che tanto cercavo ?? Sembravo un universitario del fitness: ad ogni singola ripetizione sembrava che pensassi a chissà cosa, in realtà collegavo solo il cervello a quello che stavo facendo. In tre mesi “esplosi”: ottenni quello che non avevo mai ottenuto in anni, ma soprattutto cominciavo ad apprezzare quanto fosse importante conoscermi...A vent’anni pesavo già 76 chili, una bestia di muscoli, ora gli amici mi definivano così.

Non seguivo più tabelle di allenamento, andavo ad istinto, eseguivo esercizi che mi davano piacere,esercizi che mi calmavano e rendevano la rabbia che avevo dentro come una scorta di energia da dosare all’occorrenza nelle altre attività che la vita mi proponeva; fu così convinto ad andare più a fondo di quello che stavo imparando e cominciai ad iscrivermi a corsi per diventare istruttore:ormai ero davvero convinto e gasato! All’età di ventisei anni affrontai la prima gara: sembravo, mi disse il mio preparatore, “una patata grossa ma liscia liscia, senza un minimo di definizione”. Infatti non mi classificai, anzi non voglio neanche ricordarlo. Oltre al fisico mancava anche l’armonia tra il corpo e la mente per poter cosi esprimere sul palco le mie potenzialità. Non era solo questione di crescere nella struttura muscolare, la vera sfida a quel punto era evolvere anche nel modo di pensare, di percepire la realtà, di proporre le mie idee sulla vita a me e agli altri. Qualcosa ancora non mi rendeva credibile lo sforzo che stavo facendo. L’impegno fisico che aveva trovato finalmente una risposta sul piano concreto si spostava a quel punto sul piano emotivo e psicologico. Avevo bisogno di percepire lo spazio che occupavo, i movimenti con cui mi esprimevo, i contenuti che la mia mente e il mio cuore volevano rendere pubblici. Cosi mi rivolsi ad un famoso coreografo, nonché ballerino, di Padova, che mi definì “un pezzo di legno”! Eppure, più mi confrontavo con altri atleti e più mi rendevo conto che le mie potenzialità era eccezionali: giunture articolari piccole che enfatizzavano la rotondità muscolare, rapporto tra asse bisiliaco e asse bisacromiale perfetti, altezza nello standard, mancava solo un po’ di qualità muscolare che potevo ottenere solo con l’alimentazione; ma, ahimè, a me piaceva mangiare! 

Servirono anni di sacrifici, ma, dopo la selezione all’Accademia Olimpia, dove partecipavano i migliori atleti italiani, mi classificai terzo su 120 atleti. Avevo passato un anno a prepararmi: non esistevano amici, serate in discoteca o altro; un anno dedicato a preparare la gara più ambita e importante in Italia per gli atleti di altezza-peso. Vinsi il trofeo Accademia (con relativo ottimo montepremi). Ricordo che prima della gara la tensione era alle stelle: mai stato cosi nervoso in vita mia! Come tutti sapete ce l’ho fatta: mi sono aggiudicato il titolo di CAMPIONE NAZIONALE ASSOLUTO. Eravamo 112 atleti, 22 nella mia categoria stravinta, e agli assoluti, cioè i primi di tutte le categorie arrivai primo, come highlander: ne rimarrà solo uno! Mi sentivo davvero un immortale: sensazione incredibile.

Rimasi a al vertice della mia carriera per un po’ di tempo, ma mantenere l’impegno agonistico significava rinunciare troppo alla vita privata, e decisi così di abbandonare il mondo dell’agonismo, rimanendo però nell’ambiente per trasmettere, ad altri atleti o non, tutte le mie esperienze.

E.: Ti ricordi la tua prima gara? Prova a raccontarla

R.: La prima gara la feci nel 1996, in un paesino sperduto nei pressi di Bergamo… un’organizzazione pessima in un palazzetto che cadeva a pezzi….Vinsi la mia categoria …. non c’era molta competitività, pochi atleti. Scelsi quel contesto perché avevo bisogno dopo tanti anni di allenamento di confrontarmi con altri…e nello stesso tempo finalmente di vincere la mia timidezza… di spogliarmi in pubblico dalla mia introversione .

Questa disciplina non l’ho mai fatta per le competizioni, è sempre stato un modo di lavorare con il mio io interiore, legato, il tutto da una grande passione che mi ha portato fino ad oggi ad una maturazione e non intendo solo professionale, ma di presa coscienza del valore più importante che abbiamo … noi stessi !!

E.: La più brutta gara alla quale hai partecipato?

R.: La competizione che mi lasciò più amarezza fu ai Campionati Italiani, organizzati a Rimini in occasione del Festival nel 1998. In questa gara ero davvero preparato, ma capii quanto fosse importante in questa disciplina, “il bodyfitness”, preparare anche una buona routine con prove funzionali. Questo causò un terzo posto…meritato….avevo lavorato poco sulla coreografia.

Inoltre dal mio punto di vista, l’organizzazione di gare in contesti come il Festival del fitness, fanno assumere a queste, un’ importanza secondaria, come se fosse un contorno dello spettacolo fieristico centro invece di attenzione di fabbriche di business inerenti al fitness. Questo non è corretto nei confronti di atleti che impiegano mesi di duro lavoro. 

E.:Quale gara ricordi in maniera particolare nella tua carriera?

R.: Nella mia vita vidi tantissime gare, mi entusiasmava vedere i culturisti messi a confronto nei minimi particolari, apprezzare quanto questi avessero lavorato duro per risaltare i più piccoli DETTAGLI del proprio corpo, dei veri artisti e scultori di corpi ma certamente di anime profonde… Non ricordo bene l’anno, ma fui invitato al Corpus di Bergamo, dove parteciparono alcuni dei piu’ grandi culturisti della storia, come Bob Paris, Samir Bannout, ed Kawak…ed altri.

La cosa che mi fece meravigliare oltre a queste statue perfette, fu per l’ennesima volta, il contesto in cui si esibivano tali campioni. UNA VERGOGNA. Questo mi fece velocemente capire che questa disciplina, non era molto apprezzata e gratificata dalla massa, ma era solamente una nicchia riservata ai veri cultori della costruzione del corpo.

Però nel 1997, se non ricordo male, fui ospitato a vedere una gara a Salsomaggiore, organizzata dall’Accademia Olimpia, rappresentata dal dott. Spattini, prof. Di Cristino e prof. Veronese.

Il presentatore di tale gara era davvero un presentatore (Valerio Merola), la televisione, la stampa, e soprattutto il contesto di quel meraviglioso teatro dove certamente gli spettatori non potevano permettersi il “lusso di aprire una scatola di tonno per fare lo spuntino”. Capii che quella federazione investii più delle altre e la considerazione degli atleti era quella dei protagonisti.

In quell’occasione vinse Andrea Bertona, che per un lungo periodo fu presente su tutte le copertine di riviste del settore. L’importanza della coreografia e soprattutto quello che era richiesto in questa disciplina, inteso come prove funzionali mi affascinò, era per me l’atleta perfetto che radunava le caratteristiche di ogni disciplina, forza, elasticità, resistenza e concentrazione mentale abbinata ad un aspetto fisico ottimale: il Bodyfitness. L’anno seguente vi partecipai anch’io, mi piazzai terzo, fui più che soddisfatto; questa gara non fu facile. La partecipazione da parte degli atleti, anno dopo anno cresceva, si percepiva la sensazione da parte di tutti che era una gara diversa, era unica. Infatti divenne con il 3° trofeo Accademia Olimpia un ritrovo dei migliori atleti altezza peso di tutta Italia, ai quali era richiesta una prestazione funzionale del proprio fisico coreografata da una routine spettacolare, un vero e proprio spettacolo. A queste gare organizzate dall’Accademia Olimpia parteciparono atleti del calibro di Antonio Vergiani, Marco Acquistucci, Max Bertolani, Andrea Bertona, Paolo Viola, Andrea Romboni, Vittorio Boscolo, e tanti altri ancora… Il terzo trofeo, come tutti sapete, vi partecipai anchi’io e vinsi il titolo di Campione Nazionale Assoluto di Bodyfitness. Fu un anno di preparazione intenso,sia sul piano fisico che per la prestazione atletica. Ma accanto ebbi un famoso coreografo di Padova, prof Ugo Mattia, che mi fece fare il salto di qualità.

 

E.: Hai qualche gara in programma?

R.: Dopo quest’ultima gara, avrei dovuto partecipare agli europei la settimana seguente, ..in Toscana la selezione… Purtroppo il lunedì successivo alla gara, avvenuta di sabato, un lutto colpì me e mia moglie: davanti al nostro centro fitness, sua cugina/sorella/migliore amica,fu investita da una macchina e mi morì tra le braccia….

La settimana seguente con degli amici mi misi in auto per andare alla selezione degli europei, ma ad un certo punto in tangenziale a Milano, mi misi a piangere e dissi ai miei amici….cosa sto facendo ?Feci inversione di marcia e tornai indietro……la cosa più importante per me non era la gara, e non lo erano mai state in effetti; la cosa più importante era quella di coltivare il mio interiore amandomi e amando gli altri…per il valore più grande che abbiamo .. “noi essere umani” .. non esiste nient’altro…e quando dico noi lo dico con un’ integrità di anima formata dalla mente e dal corpo.E.: C'è qualche persona che negli anni ti ha dato la forza o gli stimoli per continuare il tuo percorso nel Body Building?

R.: Sicuramente fin da quando avevo 16 anni la forza l’ho trovata dentro di me, e questo non solo nello sport, ma nella vita… Ognuno di noi possiede una forza ineguagliabile a quella che ci può dare qualsiasi altra persona, dobbiamo solo imparare a gestirla e lo sport in generale è un mezzo molto efficace per farlo.

E.: Hai un episodio che ricordi piacevolmente nel mondo del Body Building?

R.: Sicuramente tutti i miei allenamenti…penso siano stati i momenti più belli in assoluto. E’ chiaro che quando vinsi l’assoluto, è stato un premio di anni e anni non di sacrificio, ma del risultato di una forte passione che mi ha accompagnato nella vita facendomi prendere una strada per me meravigliosa e affascinante.

E.: Un amico di gara? O che appartiene a questo mondo? Descrivilo

R.: Amici ne ho molti, per fare qualche nome che tutti possano conoscere mi viene in mente, Massimo Spattini, Antonio Vergiani, Alessandro Galli, Mauro Sarni, Carlo Bianchi, Carlo Folli, Emilio Thei, Carlo Mulatero, Raffaele Morandini, Alessandro Lanzani, Ermes De Grossi, Andrea Romboni, Max Bertolani, Enrico Levantino, Enrico Veronese, Valerio Merola, Kimberly Lions, Daniela Trevisol,…….e tantissimi altri ancora……..come posso descrivere tutti….!!

E’ un mondo che ci lega. E’ una passione che nasce dentro e che prolifera emozioni che dovremmo trasmettere a tutti, perchè è la scoperta di un tesoro inestimabile quello che nulla ci appartiene solo noi stessi… Da questo, parte l’amore per noi e per gli altri….e tutti coloro, che lo hanno imparato, dovrebbero diventare come una sorta di Sarcerdoti ed insegnarlo agli altri; volersi bene, amarsi, ci dà la possibilità di creare una società sicuramente migliore rispetto a quella che stiamo vivendo attualmente. 

E.: Cosa ne pensi del Body Building di oggi e quello di ieri?

R.: Feci una trasmissione su Hystory Channel e l’avvento del bodybuilding negli anni 70/80. Si è commesso un grosso errore, quella di monopolizzare questa meravigliosa disciplina di modellare il nostro corpo a nostro piacimento secondo il nostro pensiero personale.

Quando si monopolizza una filosofia per trarne denaro spesso roviniamo l‘essenza di tale filosofia, che non era certo solamente riservata a coloro che utilizzavano sostanze dopanti ma che certo erano le figure che rappresentavano tale disciplina.

Io credo che per coloro che sono davvero appassionati, non esista oggi o ieri. L ’oggi o ieri è solo per il mercato che chiama wellness, che chiama fitness, che chiama bodybuilding o culturismo; resta comunque una disciplina dedicata a noi, alla nostra persona. L’interpretazione che vogliamo darle è per ognuno personalizzata a seconda di cosa vogliamo realmente da essa .

E.: Il gruppo muscolare che più hai faticato a portare ai livelli attuali (in gara) e con che routine l'hai allenato?

R.: Sicuramente sono le gambe…..Le ho sempre massacrate per cercare di svilupparle il più possibile. Qui ho commesso l’errore !! Non le massacro più…..rispetto la loro genetica e ottengo risultati migliori. Ognuno di noi deve imparare a rispettarsi,e se mamma natura ci ha donato un distretto muscolare con poca fibra…..non possiamo cambiarlo… Ma migliorarlo certamente !!!

E.: Il tuo miglior gruppo muscolare? 

R.: Credo siano le spalle. Tra l’altro ritengo che una buona spalla determini una buona linea soprattutto quando si parla di palco; è chiaro che non sottovaluto i miei pettorali o dorsali..l’importante è imparare ad apprezzare ed amare ogni distretto muscolare, tutto fa parte di noi !!

E.: La tua attuale routine di allenamento?

R.: Purtroppo attualmente il mio allenamento è di riabilitazione del tendine bicipite brachiale che si è distaccato in seguito ad un incidente in moto. Intervento riuscito in modo eccellente. La prima cosa che dissi al medico..: “Mi raccomando dottore la lunghezza deve essere identica all’altro…dott…mi raccomando la simmetria… eh eh eh eh…..”

E.: C'è qualcosa che rimpiangi del Body Building passato?

R.: C’era un altro spirito di sacrificio nell’allenamento….. ma credo che la colpa sia di noi gestori, personal trainer, preparatori, ecc….. Seguiamo giustamente il marketing necessario ad avvicinare le persone a questo mondo…però è proprio quì in questo momento che dovremmo far conoscere la vera essenza del bodybuilding…

E.: Cosa consiglieresti ad un ragazzo che entra in palestra oggi e vuole praticare questo sport?

R.: Impara ad amarti….rispettarti…sei unico….la tua persona è ineguagliabile…scoprila…..è un tesoro quello che hai in tuo possesso !!

E.: Qualche rimpianto?

R.: Se intendi rimpianto perché ho sacrificato una vita per lo sport….assolutamente no…!! Tutto nella vita e dico tutto quello che si fa per passione e con amore qualsiasi essa cosa sia … ….non bisogna avere rimpianti…lo si è fatto perché si desiderava farlo…..

- E.: Per il Body Building durante tutti questi anni che ti hanno portato a diventare il campione che sei a cosa hai rinunciato?

R.: A nulla !! Anzi ho vissuto delle esperienze, che auguro a tutti di provare, e non solo con il bodybuilding …ma nella vita !!. Le emozioni sono parte integrante della vita…scegliete l’emozione che vi appaga di più …la vostra anima crescerà e diventerà più saggia e più forte !!

E.: In off season mantieni comunque una bf bassa oppure non ti preoccupi e pensi solo esclusivamente alla massa?

R.: Io ritengo che ci sono delle fasi da rispettare nella vita; ed oltre alle fasi sono convinto che a volte non dobbiamo rinunciare al piacere del gusto…anche questa è un’emozione!! Se non ho competizioni in vista …diciamo che ogni tanto la buona cucina mediterranea soddisfa il mio gusto, che con l’allenamento completano la mia fame di benessere.

E.: Qual'è secondo te la miglior strategia alimentare e di allenamento per definirsi?

R.: Ognuno di noi funziona in modo differente….bisogna imparare a conoscersi. Io ho imparato che più rispetto il mio fisico, più ottengo da lui…la mia alimentazione parte dalla base del dott. Sears….è chiaro che in definizione riduco l’apporto dei carboidrati…comunque la mia alimentazione è soprattutto legata ad una stabilizzazione della glicemia con la dieta a zone….per lo meno come partenza.

E.: Che integratori preferisci in definizione ed in massa?

R.: Io sono un sostenitore degli integratori. Integriamo laddove con l’alimentazione naturale non riusciamo ad arrivare…..a colmare con i macro e micro nutrienti le nostre necessità; però direi che per la vita sociale sregolata che svolgo, l’integratore a base proteica e vitaminica siano quelli di cui necessito maggiormente.

E.: Che cosa ti ha insegnato il Body Building nella vita?

R.: Semplicemente in poche parole : Mi ha fatto crescere!! E non intendo fisicamente !

E.: Il tuo rapporto con il cibo? È solo un mezzo per plasmare il tuo corpo oppure ti piace la buona cucina?

R.: Eh eh eh , a chi non piace una buona cucina è un ipocrita, è colui che si auto-convince di questo.. Mi ripeto ma lo voglio sottolineare: vi sono delle fasi da rispettare nella vita…. Se sei in prossimità di una competizione…non e’ una rinuncia…perchè in quel momento quello che ti appaga di più è la forma fisica….ma in off season…beh se si rinuncia al gusto… è come rinunciare di andare con una bella donna… eh eh eh…!

emozioni….emozioni….fanno parte della vita !!

E.: Una frase o una parola che ti rappresenta

R.: SEMPLICEMENTE ….. SEMPLICE…….

- E.: Un pensiero che ti porta spesso alla riflessione

R.: La malattia del futuro….!!! La depressione !! Sto recentemente conducendo studi su questo fenomeno che affligge la maggior parte della popolazione…anche i giovani….bisogna trovare una soluzione al problema al più presto possibile…. lo sport….un’ottima arma !!!

E.: Quando sei in vacanza riesci ad allenarti e stare a dieta? 

R.: Lo faccio solo se ho una competizione alle porte….altrimenti mi alleno riposando….anche questo fa parte del manuale e del rispetto del proprio fisico…!! Non sono certo due settimane che compromettono il nostro stato fisico !!

- E.: Di cosa ti occupi attualmente?

R.: Lo sport al servizio della scienza…. Come dicevo….l’aspetto estetico a volte diventa la cura di persone che stanno per cadere nel labirinto di uno stato depressivo dovuto alla società che stiamo vivendo, quindi portare l’attenzione di un soggetto ad amarsi….significa fortificarlo e aiutarlo a superare il baratro di incertezza che oggi la nostra società ci offre…. 

Credere prima di tutto in noi !!

Oltre ad essere titolare di un centro fitness e centro benessere, scrivo articoli per riviste legate alla salute e al benessere, interviste su varie emittenti… Insomma oggi più che mai il mio desiderio è quello di trasmettere a tutti quello che ho dentro io…ma soprattutto che tutti abbiamo dentro !!

E.: I tuoi progetti per il futuro?

R.: Sorrido…ma dico la verità…..!! 

Cambiare il mondo !! 

Il valore più grande che esiste è quello dell’essere umano !! Coltiviamolo e rispettiamolo….il mondo cambierà…!!

Lo sport , dove l'allenamento, la passione e l'amore per se stessi sono gli ingredienti iniziali per avere risultati umani di alto livello; lo sport dove la moralità è una caratteristica distintiva dell'approccio dell'uomo con se stesso.


 


sito HTTP://WWW.EUSEBIO.PRO

mail : info@eusebio.pro

cell.: 0039 338 3748518

skype: roberto-eusebio

Quante serie fare per gruppo muscolare

Stallo in Palestra

Per dimagrire esclusivamente attivita' aerobica ??

Integratori e Palestra

Massa o Definizione

Dieta e spinta anabolica

Allenamento degli avambracci

Quanta massa posso mettere da Natural ?

Programma di forza

Perche' il metodo Eusebio

Come eseguire gli esercizi in palestra

Equilibrio: il traguardo per essere campioni

spalle piccole, che fare

dieta e giorno libero, "lo sgarro"

genetica e grasso corporeo

vorrei definire l'addome

Il riposo ciclico

cellulite che fare che prodotti

quante volte allenare i muscoli

l'allenamento con i pesi non deve ledere le articolazioni

quanto allenamento fare per dimagrire

professione fitness

allenamento per ectomorfo

esecuzione degli esercizi in palestra

intervista a Roberto Eusebio by Prozis

grasso e gonfiore da stress

dimagrire: pesi o attivita' aerobica

dieta normocalorica e bilancio azotato positivo

dubbi sull'allenamento

tricipiti duri a crescere

che allenamento per la massa

atteggiamento cifotico e sviluppo dei pettorali

come pianifico l'allenamento stagionale

durante i periodi di massa perdo la definizione

quando uso le super serie

esercizi banditi perche' fanno male

mantengo gli stessi esercizi

alleno prima i muscoli grandi poi i piccoli

allenamento e rabbia

riprendere l'allenamento dopo le festivita'

sinefrina e gluammina

intervista a Roberto di Simone Soldera

equilibrio nell'alimentazione

credere in noi tutto gira intorno a noi

come fare la leg press

dimagrire nei punti critici

sport metafora della vita

che allenamento faccio

cosa prevale in noi

autostima - nulla ci appartiene solo noi stessi

quanto pesava Roberto in gara

riso deamidato

come devo mangiare

sensibilita'

che proteine usare

la crisi

perche' non sento dolore i giorni dopo l'allenamento

perche' non mangio carboidrati e non dimagrisco

allenamento tre mesi prima dell'estate

voglio piu' pettorali

bodybuilding o fitness

esiste ancora lo sport sano

bruciatori di grasso

quanto albume dell'uovo mangiare

gambe piccole soggetto androide

dormire poco e sport

il bioanalizzatore

il limite genetico

quanto andare giu' con lo squat

allenamento e diete drastiche

scoliosi e dismetrie

intervista a Roberto di Emanuele Pizzi

allenare le gambe nelle donne senza creare vaso-costrizione

depressione, patologia curabile con l'attivita' fisica

doping steroidi cosa sono e i rischi

eccesso o carenza di cibo

bambini e attacchi di panico

si preferisce parlare di fitness e non bodybuilding

l'evoluzione della coscienza nei confronti del corpo

allenamento nausea e vomito

come allenare la forza

togliere il grasso dalla pancia

forza e carboidrati

 


Roberto Eusebio